Pubblicato il

Ordinanza per il corretto uso dell’acqua

Ordinanza per il corretto uso dell’acqua

Il sindaco Pascucci ha firmato il provvedimento che vieta l’utilizzo per usi impropri; escluse tutte le attività connesse allo svolgimento di servizi pubblici. l primo cittadino: «In alcune zone è stato rilevato un consumo eccessivo che ha superato di gran lunga le disponibilità». Eventuali trasgressioni saranno sanzionati con una multa da 25 a 500 euro

CERVETERI – «La crisi idrica che stiamo vivendo a livello nazionale non ha precedenti. Per questo mai come in questo periodo è doveroso da parte di tutti fare un uso quanto più responsabile dell’acqua ed evitare ogni uso improprio». 
Lo ha detto il sindaco Pascucci, che nella giornata del 7 agosto 2017 ha firmato l’Ordinanza n. 53 inerente il divieto di utilizzo dell’acqua per usi impropri e diversi da quelli legati alle prioritarie esigenze di igiene personale, di uso e servizio domestico.
«Sebbene da diverse settimane non si sia verificata alcuna rottura alle condotte idriche della nostra città – ha proseguito Pascucci – in alcune zone è stato rilevato un consumo eccessivo d’acqua che ha superato di gran lunga le disponibilità. Questo tra l’altro è uno dei motivi che ha spinto la Società Acea Ato 2, a partire dal 26 luglio ad avviare un piano di razionalizzazione nelle zone di Sasso, Pian della Carlotta e Cerqueto. Comprendiamo che il periodo che stiamo vivendo è particolarmente difficile, soprattutto per le temperature roventi che in questi ultimi giorni stanno interessando l’intera penisola, ma è proprio in questi momenti che un bene primario come l’acqua va utilizzato con cura, rispetto e attenzione». «È fatto divieto assoluto quindi – ha spiegato Pascucci – l’utilizzo di acqua potabile per l’annaffiamento dei giardini, il lavaggio di automobili e il riempimento di piscine. Sono escluse dall’Ordinanza, tutte le attività connesse allo svolgimento di servizi pubblici, quelle legate ai servizi antincendio e quelle dei centri autorizzati al lavaggio di automezzi e similari. Sono certo – conclude il primo cittadino – che la cittadinanza si dimostrerà sensibile all’argomento e che mostrerà tutta la sua collaborazione in questa circostanza così difficile».
Eventuali trasgressioni a tale ordinanza, vigente fino a revoca ufficiale, saranno sanzionate con una multa da 25  a 500 euro.
Il testo dell’Ordinanza è pubblicato sul sito www.comune.cerveteri.rm.it nella sezione Albo Pretorio Online. 

ULTIME NEWS