Pubblicato il

''Urge una riunione con Acea''

''Urge una riunione con Acea''

CRISI IDRICA. I consiglieri comunali d’opposizione di Abc incalzano l’amministrazione Pasquini. Il Sindaco: «Stiamo lavorando a varie soluzioni ma per quest’anno ricorreremo alle autobotti»

ALLUMIERE – Nuova interrogazione con richiesta di risposta scritta da parte del gruppo comunale d’opposizione Abc Allumiere Brne Comune all’attenzione del sindaco Antonio Pasquini e del segretario comunale avente per oggetto l’attuale crisi idrica. «Noi consiglieri del Gruppo ABC Allumiere Bene Comune, in seguito al preoccupante aggravarsi della crisi idrica subita dalla popolazione di Allumiere e giunta proprio in questi giorni di caldo infernale a livelli insostenibili – scrivono i consiglieri di minoranza Stefania Cammilletti, Giovanni Sgamma e Alessio Sgriscia – chiediamo quindi all’amministrazione comunale quali passi siano stati intrapresi o si vogliano intraprendere nei confronti di Acea, visto che, nonostante l’aumento dello scarico d’acqua a mezzo autobotti, per intere zone del paese il prezioso liquido è solo un miraggio. E’ chiaro che la strada scelta non solo non porta benefici ma certo porta ad uno spreco di denaro pubblico, pertanto chiediamo di convocare e partecipare ad una urgentissima riunione con Acea, per capire se la stessa ha intenzione di prendere ulteriori e diverse iniziative che garantiscano un servizio idrico decente per tutti i cittadini». A questa interrogazione il sindaco Antonio Pasquini risponde: «I consiglieri del gruppo Abc sono arrivati in ritardo, per questo problema siamo intervenuti eccome. Molti cittadini si sono complimentati visto che stiamo facendo il possibile. Non si tratta di rotture, ma di carenza d’acqua e l’impianto non va in pressione e di conseguenza in alcune zone l’acqua non arriva. Un pozzo che di media portava 6 litri al secondo, giovedì pompava ad 1,25 litri al secondo, il problema è infatti strutturale. Abc arriva secondo anche nella richiesta del tavolo tecnico visto che si è già tenuto e ne ho dato spiegazione ai cittadini. Si sono riscontrate varie problematiche che ci impediscono di sezionare il paese e dare l’acqua in fasce orarie. Stiamo però già lavorando e valutando varie soluzioni per il futuro, per quest’anno l’unica soluzione sono le autobotti così come in tanti paesi, noi però guardiamo avanti. Per la frazione di La Bianca l’acqua proviene sempre dal Risanamento, ma dispone di un serbatoio di accumulo rilevante al faggeto che copre i momenti di difficoltà idrica. Tutte le sorgenti attive verificate da Acea, sul territorio comunale, sono state messe in rete. In questi giorni dopo vari interventi siamo riusciti ad ottenere più scarichi (oltre i 12) e speriamo per la prossima settimana di avere notizie positive su alcune analisi di altre sorgenti ed iniziative che abbiamo condiviso con Acea. In tutto questo lavoro non sono solo: tutta la mia squadra e in questo caso specifico il consigliere Carlo Cammilletti ha fatto un grande lavoro in questi primi 50 giorni». Intanto ad Allumiere uno dei residenti, Antonio Marini, sulla pagina Fb del sindaco Antonio Pasquini scrive: «Ma tutto l’impegno per trovare possibili soluzioni che sta mettendo l’attuale amministrazione non poteva essere adottato da chi c’era prima di voi? Il problema idrico affligge il paese di Allumiere già da qualche anno, le autobotti vanno su e giù da qualche anno anche esse ovviamente, quindi non ci si poteva pensare prima a risolvere tale situazione? In nome di una dovuta trasparenza, chi c’era prima che ha fatto in merito». Un’altra residente scrive: «Io abito proprio sopra dove scaricano le autobotti e oggi non si sono fermati mai da stamani alle 8. Ringrazio il sindaco perché almeno lui si è impegnato subito e seriamente cercando di risolvere questo grosso problema che purtroppo non è solo nostro». Oltre alla signora Lisi anche altri residenti hanno scritto parole di ringraziamento all’amministrazione per l’impegno che ci stanno mettendo. «Ribadisco – conclude il sindaco – che siamo solidali coi cittadini, ma problema non è derivante da cause dipendenti da noi dell’amministrazione comunale, noi possiamo solo, come stiamo già facendo, fare il possibile per sollecitare Acea, far venire più autobotti e cercare altre soluzioni». (Rom. Mos.)

ULTIME NEWS