Pubblicato il

Usi civici, Delmirani: "Iniziative frutto di due delibere dell'Agraria"

Usi civici, Delmirani: "Iniziative frutto di due delibere dell'Agraria"

L'assessore Affari generali, personale e sicurezza dell’Università spiega che l'ente sta lavorando da oltre un anno e mezzo per semplificare le procedure, come ad esempio "istituendo un bando per periti demaniali e imponendo per tutti i concorrenti il medesimo costo di perizia"

CIVITAVECCHIA – 

“Il comunicato diffuso giorni fa dal consigliere regionale Gino De Paolis sta allarmando tutti ed ha scatenato una moltitudine di accessi a informazioni dirette e telefoniche”.

Lo dichiara Damiria Delmirani assessore Affari generali, personale e sicurezza dell’Università agraria di Civitavecchia. L’ente, da oltre un anno e mezzo, sta lavorando per “normalizzare il mare magnum degli Usi civici – prosegue Delmirani – cercando di semplificare le procedure, ottimizzare i processi e, soprattutto, a non penalizzare gli utenti con onerosi costi di perizia e dei terreni”.

Delmirani punta il dico contro Gino De Paoli spiegando che “le iniziative avviate dal consigliere regionale sono frutto di sollecitazioni fatte alla Regione Lazio, mirate ad un intervento normativo,  con due delibere dell’Università agraria  numeri 84 e 92 – 2016. Intervento normativo – evidenzia – di fatto, recepito e fatto proprio dalla Regione Lazio con analogo strumento normativo, indicato di recente dal consigliere regionale”.

L’assessore dell’Università agraria spiega che è stato fatto molto per evitare costi per spese di perizia “istituendo un bando per periti demaniali e imponendo per tutti i concorrenti il medesimo costo di perizia. Costituito  l’albo dei periti demaniali, gli stessi, riuniti in commissione, hanno elaborato linee guida che, sulla base degli indicatori Omi (Osservatorio mercato immobiliare – agenzia entrate), individuate le varie zone della città – dichiara Delmirani – hanno indicato i valori dei lotti di terreno che hanno dato origine alla costruzione dell’immobile. Quindi il valore viene determinato non solo per estensione ma anche per ciò che insiste sopra”.

Tutto questo, è stato fatto per evitare che la trattazione degli usi civici diventasse una giungla onerosa per i cittadini che sono costretti a districarsi  tra gli effetti della sentenza del commissario per la liquidazione degli  Usi civici 181 del 1990

Un lavoro mirato a semplificare la trattazione degli usi civici. Delmirani tende poi a chiarire il ruolo dell’Università agraria che: “non fa altro che attenersi alle vigenti disposizioni e regolamenti nazionali e regionali; sollecita, laddove possibile e fattibile, interventi normativi atti a facilitare procedimenti, velocizzare le pratiche e ridurre i costi a carico dei cittadini. Quindi – conclude – ben venga qualsiasi intervento normativo in tal senso, nell’interesse superiore della collettività”.

ULTIME NEWS