Pubblicato il

Ambiente, l'ode a Manuedda di Menditto

Ambiente, l'ode a Manuedda di Menditto

Il consigliere di maggioranza difende a spada tratta l'operato dell'assessore grillino

CIVITAVECCHIA – “Quello che sta costruendo l’Assessore Manuedda è qualcosa senza precedenti, in quanto sta gettando le fondamenta della politica ambientale come mai è stato fatto a Civitavecchia e questo con risorse pari allo zero”.

Lo dichiara Dario Menditto , consigliere comunale di maggioranza e presidente della commissione ambiente, in un’ode all’assessore in risposta agli attacchi dei giorni scorsi dell’Area Orlando del Pd locale. “Il progetto “Attività di prevenzione abbandono rifiuti e rimozioni degli stessi, dagli arenili di gestione comunale” non giace da nessuna parte – continua Menditto – anzi, è stato attivato nei tempi previsti dal bando attraverso la progettazione, curata direttamente dai tecnici comunali e quindi senza ulteriori oneri per l’amministrazione, di un sistema di raccoglitori per i materiali differenziati da installare lungo il litorale, successivamente autorizzato con l’acquisizione di tutti i pareri necessari in sede di conferenza dei servizi. Il progetto ha una durata di dodici mesi e prevede, oltre a una serie di interventi mirati di pulizia degli arenili, anche l’installazione dei raccoglitori prima dell’inizio della stagione balneare che quindi sarà, ovviamente, la prossima”.

Il consigliere pentastellato prosegue nella sua difesa a spada tratta dell’operato dell’assessore all’Ambiente, indicando alcuni dei risultati raggiunti a partire “Dalla sostituzione delle prescrizioni Via per la conversione della centrale Tvn, non ottemperate e giudicate dal Ministero non ottemperabili, con altre opere mirate a migliorare l’ambiente urbano – continua Menditto – avere svelato la bufala dell’irrealizzabile parco eolico da 200 MW inserito nell’accordo Moscherini-Enel del 2008” consentendo, secondo il consigliere, di concordare “una serie di interventi sulla mobilità elettrica e di ottenere un indennizzo che consentirà di finanziare il piano di concordato per salvare le partecipate”.

Giudicata positivamente anche l’uscita dal Consorzio, trasferimento delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria all’Arpa Lazio e l’adesione all’Osservatorio ambientale della Regione.

In aggiunta: parere negativo alla proposta Enel di trasportare il calcare su gomma, sollecitazioni al Ministero dell’Ambiente per la mancata elettrificazione delle banchine e apertura ad eventuali soluzioni alternative.

Inoltre, prosegue Menditto, “Sta procedendo nella realizzazione della raccolta differenziata porta a porta, con l’individuazione del soggetto che dovrà svolgere la campagna di comunicazione e che ha già effettuato i rilievi territoriali e con la recente definizione del quadro economico per l’acquisto dei nuovi mezzi. Ha sventato – evidenzia – la possibilità che Civitavecchia potesse diventare la discarica di Roma attraverso la realizzazione di un impianto a bocca discarica da 60mila tonnellate all’anno”. Evitato il potenziamento di diverse antenne e imposto “18 stringenti prescrizioni alla realizzazione del forno crematorio voluto dall’amministrazione Tidei”. Si sarebbe poi battuto per la Frasca, segnalando il taglio eccessivo della Pineta, e revocando “il parere negativo di Moscherini all’istituzione del monumento naturale. Auspico – conclude Menditto – per il futuro un dibattito politico più sano sui contenuti e scevro di gratuiti attacchi personali”.

ULTIME NEWS