Pubblicato il

Ladispoli, inaugurato il dearsenificatore

LADISPOLI – Taglio del nastro ieri mattina per il sindaco Alessandro Grando che ha inaugurato l’installazione e l’avvio del dearsenificatore di Ladispoli. 
Era stata prevista una spesa iniziale di 160mila euro, ridotta a 130mila in fase di gara. 
«Quest’opera – ha spiegato Grando – permetterà di attingere all’acqua delle sorgenti senza pesare sulla rete di Acea». 
Sull’azienda romana il primo cittadino ha aggiunto: «Va stipulata una convenzione con loro, in cui mettere nero su bianco il trasferimento delle spese di installazione qualora il servizio idrico passasse interamente sotto la gestione di Acea».
Dopo il dearsenificatore ora si guarda al secondo pozzo a Statua. 
L’opera sarà realizzata con i soldi che l’amministrazione comunale ha risparmiato nella realzzazione dell’impianto di dearsenificazione entrato in funzione già nella giornata di ieri e inaugurato questa mattina. Ad annunciare il prossimo step per l’indipendenza idrica di Ladispoli da Acea, è stato il consigliere comunale Filippo Moretti che è tornato a replicare all’ex assessore ai Lavori Pubblici Marco Pierini che ha rivendicato, per la precedente amministrazione, la paternità dell’opera.
«C’era un finanziamento di 400mila euro – ha spiegato Moretti – ottenuto dall’amministrazione comunale 2 anni fa e che doveva essere utilizzato per la realizzazione della nuova sede di Falvia acque all’interno del depuratore». La precedente amministrazione comunale «ha speso 17mila euro per il progetto del dearsenificatore, peraltro mai realizzato e per il quale aveva però indetto un bando di gara. La ditta vincitrice del bando ha così fatto causa al Comune che ha dovuto pagare altri 28mila euro, presi dal finanziamento. Ben 45mila euro – ha sottolineato Moretti – sono dunque andati in fumo senza però realizzare nulla. Della restante cifra, 175mila erano stati accantonati per la realizzazione dell’impianto ma si trattava solo di una voce a cui non corrispondeva alcun progetto, alcuno studio né un incarico”. Dei fondi stanziati per la realizzazione del dearsenificatore l’attuale amministrazione comunale “ne ha spesi solo 131mila euro, i restanti – ha concluso Moretti – saranno usati per la realizzazione del secondo pozzo a Statua. In poche parole con i soldi non usati dalla precedente amministrazione, sui quali abbiamo pagato interessi per 2 anni, una multa e una progettazione mai attuata, abbiamo risolto i problemi di Ladispoli».

ULTIME NEWS