Pubblicato il

Con un punteruolo contro un connazionale: marocchino arrestato dalla Polizia per tentato omicidio

Con un punteruolo contro un connazionale: marocchino arrestato dalla Polizia per tentato omicidio

TARQUINIA – Una festa che poteva finire in tragedia. Questione di pochi attimi e ci sarebbe scappato il morto.

Fortunatamente così non è stato ieri pomeriggio, quando un marocchino ha tentato di colpire con un punteruolo un connazionale.

L’uomo è stato subito individuato e arrestato dagli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Tarquinia dopo momenti di grande concitazione.

Il fatto è avvenuto nella giornata di ieri durante i festeggiamenti del “Sacrificio”. Nei guai è finito un 48enne. L’allarme è stato lanciato nel pomeriggio: subito sono intervenuti gli uomini del vice questore aggiunto Fabio Zampaglione presso l’area pic-nic e parcheggio del campeggio ‘‘Riviera degli Etruschi’’ dove alcuni avventori hanno segnalato due persone ferite.

Immediatamente sul posto i poliziotti dell’Ufficio Volanti di Tarquinia che hanno trovato due cittadini marocchini a terra, soccorsi dal personale del 118 e da numerosi altri connazionali che si erano radunati proprio per la ricorrenza della “Festa del Sacrificio”.

Nell’immediatezza sono state acquisite le prime testimonianze così da poter capire quello che era successo.

I testimoni oculari, in sintesi, hanno raccontato che durante i festeggiamenti è giunto, a forte velocità, con la sua autovettura, uno dei marocchini coinvolti che è sceso dal mezzo con l’intento di uccidere il connazionale coetaneo.

Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, l’uomo si sarebbe scagliato contro la vittima brandendo una bottiglia in una mano e un punteruolo nell’altra. Dapprima lo ha minacciato mortalmente, poi con il punteruolo ha bucato alcune ruote dei mezzi presenti. Fatto ciò, si è diretto verso la vittima, colpendola prima con la bottiglia e poi con il punteruolo all’addome.

Un veloce scatto all’indietro della vittima ha evitato il peggio per l’uomo che comunque è stato attinto all’addome.

L’aggressore, vistosamente ubriaco, ha continuato a rincorrerlo intorno a un tavolo, fino a quando è caduto a terra per almeno due volte, battendo violentemente la testa su una tavola.

La vittima è stata trasportata dal 118 al locale pronto soccorso del nosocomio cittadino per le cure del caso.

.

 

 

ULTIME NEWS