Pubblicato il

''Errori formali nella delibera''

Dura reazione dei dirigenti del Pd alle dichiarazioni di Minghella. «Patetico il tentativo di fare scaricabarile»

Dura reazione dei dirigenti del Pd alle dichiarazioni di Minghella. «Patetico il tentativo di fare scaricabarile»

di GIAMPIERO BALDI

 

S. MARINELLA – Dura reazione dei dirigenti della locale sezione del Pd, dopo le dichiarazioni rilasciate dal delegato al Bilancio Emanuele Minghella, che ha tacciato il partito di Renzi di essere un succhia soldi dei Comuni e di essere il maggiore responsabile delle difficoltà finanziarie che hanno gli enti locali. «Sinceramente non comprendiamo perché Minghella se la prenda con il Pd di S. Marinella – afferma il responsabile della sezione locale Pierluigi D’Emilio – cosa vuole da noi se la sua manovra di bilancio è stata bocciata per due volte dai revisori dei conti, dalla neo segretaria generale e dal responsabili della ragioneria? Dovrebbe leggersi la lettera inviata ai consiglieri in cui si evince che nella delibera ci sono errori formali, confusione nell’elenco delle variazioni al bilancio, che nulla si dice sul fondo crediti di dubbia esigibilità e su quello delle passività potenziali, che è sbagliato il dispositivo dell’atto perché cita modifiche al bilancio disposte col presente atto, ma non ve n’è traccia e dichiara di recepire e attuare le raccomandazioni del responsabile non vuol dire nulla, cita gli equilibri monetari che non sono menzionati dalla legge e soprattutto non si dice nulla sull’approvazione degli equilibri di competenza e dei residui». «La lettera della segretaria generale – continua D’Emilio – si chiude dicendo che l’atto, così redatto, non assolve all’obbligo dell’articolo 193, ma rischia conseguenze gravi presso la Prefettura e la Corte dei Conti. I funzionari hanno ritenuto che la delibera non fosse ammissibile e quindi cosa fa l’amministrazione? Dopo aver imputato il dissesto alla Regione, adesso si scaglia contro il governo nazionale. Possiamo comprendere che siano molto nervosi, Minghella in primis, ma governano da 9 anni, se siamo ridotti al lumicino non possiamo dare la colpa al governo centrale. Il tentativo di fare scaricabarile sta diventando patetico, al punto che l’ex responsabile della ragioneria ha chiesto documentazione attestante l’intervento del consigliere Passerini, manifestando l’intenzione di sporgere querela per le responsabilità addossategli. Inoltre è stucchevole leggere la sua dichiarazione».

ULTIME NEWS