Pubblicato il

Flash Mob il 9 settembre contro la ‘‘sete’’ del lago

Flash Mob il 9 settembre contro la ‘‘sete’’ del lago

Continua a peggiorare la situazione del bacino lacustre nonostante le piogge dei giorni scorsi . Emiliano Minnucci (Pd): «In questi mesi chi doveva fare non ha fatto»

BRACCIANO – «La situazione del Lago non cambia, anzi peggiora di giorno in giorno» a dirlo l’onorevole dem Emiliano Minnucci che ha dato appuntamentosabato 9 settembre parteciperà al flash mob ‘#muiodisete’ organizzato dai cittadini dei comuni di Bracciano, Anguillara Sabazia e Trevignano Romano presso il lungo lago di Anguillara.

«Le piogge di queste ultime ore – ha aggiunto Minnucci – hanno avuto impatto zero sulle pessime condizioni in cui versa il bacino che, ribadisco, per registrare un progressivo miglioramento necessita esclusivamente di uno stop definitivo delle captazioni. Quell’interruzione che andiamo chiedendo da mesi e che la Regione Lazio, con due ordinanze ad hoc, aveva avallato prima della sentenza del Tribunale delle acque dello scorso 14 agosto. In questi ultimi due mesi chi doveva fare, purtroppo, non ha fatto: Acea e il Campidoglio, in primis, oltre a non aver garantito nessuna certezza alle comunità lacuali, hanno iniziato una campagna mediatica vergognosa improntata su quel terrorismo psicologico che non ha fatto altro che infondere panico tra i romani, giustamente preoccupati di rimanere senz’acqua. La Raggi, in particolare, invece di sollecitare Acea a trovare delle soluzioni concrete e immediate per la risoluzione del problema, ha esclusivamente rilasciato dichiarazioni sconsiderate, scritto post imbarazzanti e presentato il ricorso al TSAP per tentar di bloccare l’ordinanza Zingaretti.

Un atteggiamento ignobile che non ha fatto altro che mettere in concorrenza l’esigenza idrica dei romani con la preoccupazione dei cittadini di Bracciano di fronte il progressivo prosciugamento del loro lago.

Non si può e non si deve pensare che per garantire l’acqua a Roma è necessario svuotare il lago o viceversa».

«Di fronte questo modus operandi sconsiderato – ha concluso Minnucci – i cittadini scenderanno in piazza per manifestare il loro dissenso attraverso un flash mob a tutela del territorio e dell’ambiente».

ULTIME NEWS