Pubblicato il

Idrico: l'acqua resta non potabile

Idrico: l'acqua resta non potabile

La conferma arriva dalle analisi effettuate sui campioni prelevati venerdì scorso presso le fontanelle pubbliche di via Annovazzi  e via Bramante, ma l’assessore ai lavori pubblici e all’urbanistica rassicura: con l’aumento dovrebbe ristabilizzarsi il tutto. Ceccarelli: "Si tratta comunque di valori in netto miglioramento, siamo fiduciosi che nei prossimi giorni la situazione torni alla normalità"  

CIVITAVECCHIA – L’acqua resta non potabile. Lo confermano le analisi effettuate sui campioni prelevati venerdì scorso e pervenuti in data 4 settembre presso le fontanelle pubbliche di via Annovazzi e via Bramante che hanno confermato la presenza di parametri microbiologici non conformi. L’assessore ai lavori pubblici Alessandro Ceccarelli rassicura: “Si tratta comunque di valori in netto miglioramento – dichiara Ceccarelli – rispetto ai precedenti e che, con il ritorno della costante pressione nelle tubature, non potranno che migliorare. Infatti, con i quantitativi d’acqua aumentati a seguito delle piogge dei giorni scorsi e del minor consumo lungo la costa da parte di Acea, i tecnici comunali hanno predisposto l’assetto della rete idrica in modo tale che permanga in pressione 24 ore su 24. Di conseguenza – spiega l’assessore – gli eventuali rischi di contaminazione dovrebbero essere azzerati, pertanto siamo fiduciosi che nei prossimi giorni la situazione torni finalmente alla normalità”.

Intanto siamo a circa un mese e mezzo di ordinanza di non potabilità per la zona compresa tra via del Bricchetto, via Bramante, via Buonarroti e via Bernini. Mentre la situazione era rientrata nella normalità per le zone del lungomare. Un’estate di disagi dovuti ai soliti problemi ed alle rotture dovute agli ‘‘acciacchi’’ del settore idrico cittadino. Confermata, quindi, la presenza di batteri non conformi nell’acqua ma la situazione è in miglioramento, questa la sintesi.

“In ogni caso stiamo predisponendo ulteriori controlli diretti sulla rete per aumentare l’azione di controllo sull’inquinamento dell’acqua – continua Ceccarelli – a breve verranno riparate le perdite idriche in base alle risorse a disposizione, che oltre a ridurre inutili dispersioni di acqua eviteranno eventuali contaminazioni della rete idrica. Anche il comune – conclude l’assessore ai lavori pubblici – nei prossimi giorni effettuerà analisi di controllo dell’acqua per contribuire ai controlli già effettuati dalla Asl”.

Perdite e siccità hanno reso il lavoro difficile per l’assessore e tutto l’ufficio idrico. Un’estate sicuramente complicata anche a causa della quasi totale assenza di piogge, una situazione che però sembrerebbe poter migliorare. A partire da giovedì, infatti, sono previste precipitazioni che, unite a quelle dei giorni scorsi, potrebbero risollevare finalmente una situazione che ha portato a dichiarare anche lo stato di emergenza nella Regione. 
Intanto l’amministrazione prosegue con le riparazioni programmate delle perdite idriche sparse per tutta la città. Ancora in coda quella di viale Baccelli, via Montanucci e “quella in collina – ha scritto Ceccarelli sulla sua pagina social nei giorni scorsi – già pubblicizzata alcuni giorni fa (guerriglia e breve filmato). Ma ne stanno uscendo altre in funzione della pressione che aumenta”. Resta sicuramente una situazione complicata ma, va detto, che sembra essersi stabilito un precario equilibrio che, in qualche modo, sembra reggere. Ora bisognerà attendere le prossime analisi nella speranza che anche quello della non potabilità possa dichiararsi un capitolo chiuso.

ULTIME NEWS