Pubblicato il

Addio di Falasca a Noi con Salvini: chi ha lasciato chi?

Addio di Falasca a Noi con Salvini: chi ha lasciato chi?

L’uscita dal gruppo consiliare finisce con uno scambio di accuse

LADISPOLI – Finisce con uno scambio reciproco di accuse il rapporto tra il gruppo consiliare di Noi con Salvini e il consigliere comunale Patrizio Falasca. Una vicenda esplosa nella mattinata di ieri con la comunicazione giunta nella tarda serata di mercoledì del consigliere che ha annunciato il suo passaggio da Noi con Salvini a Fratelli d’Italia. Un annuncio accompagnato da non poche critiche.

Secondo Falasca, egli ha “preso definitivamente atto della mancanza delle condizioni minime accettabili per svolgere in maniera serena, seria e costruttiva, il mio lavoro di consigliere comunale all’interno di NcS”.

Ma era parso evidente che gli attriti fossero soprattutto con il capogruppo Luca Quintavalle. Quest’ultimo non ha lasciato molto tempo alla replica ufficiale rendendo noto che nella veste di “capogruppo e coordinatore comunale di Noi con Salvini ho avuto il piacere di comunicare al consigliere Falasca la sua immediata espulsione dal gruppo consiliare Noi con Salvini”.

Resterebbe dunque da capire chi abbia lasciato chi. Anche se per il consigliere di maggioranza transitato in Fratelli d’Italia ci sono pochissimi dubbi. Anzi nessuno. È lui ad aver abbandonato il gruppo consiliare.

“Al fine di fare chiarezza sulla tardiva espulsione comunicata dal Quintavalle, arrivata solo alle 12.30 circa – spiega Falasca – invito tutte le parti politiche e i cittadini a prendere atto che, stamane alle 10.30 ho protocollato e ufficializzato la mia irrevocabile decisione di lasciare, a malincuore, il gruppo NcS aderendo a Fratelli d’Italia”. Il consigliere comunale, inoltre, punta i riflettori su altri passaggi che hanno preceduto la decisione presa.

“In data 18 settembre ho comunicato verbalmente, de visu, al capogruppo di Fratelli d’Italia, la mia determinazione ad entrare nel suo gruppo consiliare. Avendo avuto disponibilità, la stessa sera, durante la riunione di maggioranza ho verbalmente dichiarato al Sindaco, alla giunta e a tutti i consiglieri presenti, la mia immediata volontà di lasciare NcS per essere accolto in Fratelli d’Italia. Insomma più corretto e chiaro di così non era possibile, oltre a quanto sopra descritto. Ieri sera alle 23.30 ho inviato il mio comunicato stampa alle testate giornalistiche locali e stamane intorno alle 10.30 ho protocollato e ufficializzato il tutto. Rimango quindi simpaticamente esterrefatto da questa “espulsione” tardiva e infantile che lascia a tutti intendere cosa realmente sia la politica per me e cosa rappresenti per altri”. A prescindere dunque dal fatto che sia stato Falasca ad abbandonare il gruppo o Quintavalle ad espellerlo, emergono importanti fibrillazioni in seno alla maggioranza che nella giornata di ieri ha comunicato la distribuzione delle deleghe.

E forse potrebbe essere stato questo il pretesto per far saltare qualche equilibrio o i rapporti tra le varie componenti. Dalla vicenda al momento sembra esserne uscito indenne il sindaco Grando che anzi ha incassato la solidarietà e la fiducia del coordinatore provinciale NcS William De Vecchis: “NcS ha sostenuto la candidatura di Grando e ne è parte integrante della vittoria elettorale e ancor più di oggi ne condivide le scelte sia sulla nomina dei membri della giunta sia sull’applicazione del programma elettorale». Per De Vecchis, dunque, chi non condivide «non può far parte del nostro movimento”.

ULTIME NEWS