Pubblicato il

La Regione Lazio: "Cupinoro, autorizzazioni prive della Via"

I comitati contro il mega digestore ospiti di Agorà su Rai Tre

I comitati contro il mega digestore ospiti di Agorà su Rai Tre

BRACCIANO – Le autorizzazioni per la realizzazione degli impianti di trattamento rifiuti a Cupinoro ci sono ma privi della necessaria Valutazione di Impatto Ambientale ormai scaduta. Questo quanto avrebbe affermato ieri la Regione Lazio puntando i riflettori sulla possibile realizzazione di un mega digestore a Cupinoro.

Una dichiarazione che stupisce, in “maniera positiva” il comitato Fermiamo Cupinoro e l’associazione Terrattiva tornate a esprimere la loro contrarietà alla realizzazione degli impianti anche durante la trasmissione Agorà andata in onda su Rai3. All’interno del programma “si è dato spazio alla vicenda della discarica di Cupinoro – hanno spiegato – in relazione alla messa all’asta, da parte del Commisario Straordinario della Bracciano Ambiente Dr. Sirleo, delle autorizzazioni a costruire l’impiantistica prevista. Oltre ai comitati erano presenti anche le Istituzioni nelle persone del Sindaco di Bracciano, Armando Tondinelli, di Cerveteri Alessio Pascuccci e la Regione Lazio nella persona del Commissario ad acta Flaminia Tosini. I comitati hanno ribadito con forza la loro contrarietà alla costruzione degli impianti e hanno chiesto una seria bonifica e messa in sicurezza del sito. I sindaci hanno confermato la loro posizione, nota da tempo, di non voler dare continuità alle attività della discarica e di non volere alcuna impiantistica annunciando il ricorso alle vie legali”.

“Interessanti risultano le dichiarazioni della rappresentante della Regione Lazio che – hanno sottolineato – afferma che seppur avviata un’asta per vendere le autorizzazioni a costruire gli impianti , le stesse risulterebbero prive della necessaria Valutazione di Impatto Ambientale ormai scaduta . Tale dichiarazione ci stupisce in senso positivo anche se siamo consapevoli della possibilità da parte dell’acquirente di poterla rinnovare. Continueremo a seguire la vicenda e a tenere alta l’attenzione”.

ULTIME NEWS