Pubblicato il

Leopardo: "Il Pd non è un trampolino di lancio"

Leopardo: "Il Pd non è un trampolino di lancio"

Il segretario commenta quanto accaduto ieri alla sede del Pd e indica la strada del congresso che vorrebbe

Intervento del segretario uscente del Pd Enrico Leopardo che ha commentato quanto accaduto ieri e avvisato tutti coloro che intendono il partito come un mezzo per lanciarsi politicamente.

“Si è chiusa ieri sera la prima fase del Congresso del Pd di Civitavecchia, una prima tappa riservata a 7 giornate di tesseramento che si conclusa in un clima dal quale prendiamo le distanze.
Siamo dispiaciuti perché l’arroganza e la maleducazione sono ciò contro cui combattiamo ogni giorno.
C’è una frase di Oscar Wilde che recita:”Chi dice la verità prima o poi viene scoperto” non riteniamo però opportuno perdere ulteriormente tempo nel raccontare la spiacevole situazione, chiediamo a gran voce scusa ai cittadini che, per via della sospensione del tesseramento, non hanno potuto iscriversi.
Da oggi, ci dedicheremo ai contenuti, cercando di rispondere alle esigenze del nostro territorio ormai torturato da problematiche che abbracciano diversi settori.
Metteremo al centro del nostro impegno: il lavoro, il sociale, l’ambiente, lo sport, la cultura, lo sviluppo e tanto altro ancora.
Vogliamo confronti basati sulle idee e non sulla quantità di tessere.
Il Pd deve essere la casa di un progetto politico comune e non il trampolino di lancio per raggiungere interessi personali.
Nel Pd c’è posto per tutti, ognuno potrà dare il proprio prezioso contributo all’interno di questa ampia comunità.
Auspichiamo in un Congresso che possa essere un momento di importante elaborazione, di crescita poltica, un vero e proprio  contenitore di proposte”.

Intanto su quanto accaduto ieri alla sede del Pd la responsabile della commissione di garanzia Michela Califano ha spiegato: “Non si poteva andare avanti in quella maniera. Mi spiace per i cittadini che volevano tesserarsi in quelle ultime due ore ma la situazione non era sostenibile. Ogni componente del partito ha comunque avuto giorni per tesserarsi, il numero di tessere fatte lo dimostra ampiamente”.
 

ULTIME NEWS