Pubblicato il

Snc: «Applicata la convenzione»

Snc: «Applicata la convenzione»

La dirigenza del club di pallanuoto si difende per il volantino in cui si faceva riferimento all’obbligo di pagamento anticipato dei corsi. I rossocelesti: «Bastava una chiamata per chiarirsi». Frascarelli: «La Lucernoni si occupi di cose serie»

CIVITAVECCHIA – Non si è fatta attendere la replica della società Snc Civitavecchia alle parole del vicesindaco Daniela Lucernoni. Tutto è iniziato con un comunicato stampa della vicesindaco che accusava la società di usare il nome del comune impropriamente su bigliettini pubblicitari. Nel biglietto veniva citata la frase «Vi ricordiamo che da Convenzione siamo obbligati dall’amministrazione comunale a riscuotere anticipatamente le quote dei pagamenti dei corsi». La Lucernoni avvisata tramite una lettera da alcuni genitori di questa dicitura si è scagliata contro la società nel comunicato stampa di due giorni fa, nel quale ha minacciato una denuncia qualora non fossero arrivate le scuse pubbliche. Scuse che non arriveranno, a quanto pare. La società tramite i suoi massimi vertici ha fatto sapere infatti che «il biglietto pubblicitario viene usato ininterrottamente da tre anni e altro non è che una interpretazione dell’articolo 8 della convenzione stipulata nell’atto di gestione del Pala Galli. Un atto in cui il pagamento anticipato dei canoni corrisponderebbe al pagamento anticipato delle quote ». La Snc sostiene inoltre che «se una interpretazione differente fosse arrivata dal Pincio uno scambio di vedute telefoniche sarebbe stato più opportuno di una polemica a mezzo stampa».

La polemica ha portato anche ad interventi politici come quello di Giancarlo Frascarelli: «Le società sportive locali – afferma il vice coordinatore di Forza Italia – riescono a malapena a mantenere le categorie che hanno raggiunto con enormi sacrifici, spesso sono costrette a rinunciare ai campionati (vedi la pallavolo maschile la scorsa stagione con la rinuncia alla serie B), sempre più spesso affrontano stagioni al ribasso, con unico obiettivo quello della salvezza. Purtroppo, anche in questo contesto, i Cinque Stelle, non hanno nulla da dire. Intervengono solo per minacciare querele laddove il loro ruolo dovrebbe essere quello di saggi intermediari ed ottimi risolutori. Il nostro vice sindaco, anziché innescare sterili polemiche, si occupi dell’emergenza abitativa della nostra città, in virtù di una delega che forse ha dimenticato di avere. Si impegni per dare un tetto ed una vita degna di tale nome a chi (nostri concittadini) è costretto a dormire in macchina. E si ricordi che anche tutto il mondo sportivo merita rispetto, un mondo fatto di impegno e disciplina con un’enorme ricaduta sociale».

ULTIME NEWS