Pubblicato il

Tpl, rischio stato di agitazione

Tpl, rischio stato di agitazione

LA NOTIZIA. Ancora in alto mare la trattavia degli autisti in carico alla Sab. Tavelli della Fit-Cisl: «Ieri mattina l’azienda non aveva sciolto il nodo con i suoi legali»

CERVETERI – Ancora in alto mare la trattativa tra gli autisti del Tpl in carico alla SAB, la società che in Ati con Seatour gestisce il trasporto pubblico integrato tra Cerveteri e Ladispoli. 
Come si sa tra le parti, già da oltre un mese è in corso un confronto complicato in quanto, l’ostinazione dell’azienda ad applicare nel contratto una regola che i sindacati ritengono non sia usata nel Lazio, espone le maestranze ad un sovraccarico di tempo a disposizione dell’azienda attraverso l’esecuzione di turni non adatti alla logistica del trasporto richiesto con conseguenze anche sull’efficienza del servizio che ha denunciato più di una pecca. 
C’è da dire che, nel corso dell’ultimo incontro avvenuto con la SAB, le parti hanno condiviso una proposta fatte dalle maestranze riguardante una nuova turnazione dei servizi, ma nonostante in quella sede sia stata condivisa, ed era l’otto di agosto, la SAB a ieri mattina, come dice  Marco Tavelli  della Fit-Cisl aveva ancora bisogno di sentire i loro legali con i quali la stanno confrontando e analizzando. 
Sta di fatto che ad oggi è ancora tutto come prima e i disagi per gli autisti sono rimasti gli stessi tanto che sempre Tavelli dice: «Io mi auguro che l’azienda concluda e decida quanto prima possibile perché i tempi di percezione del disagio che hanno gli operai non sono uguali a quelli che le aziende vorrebbero, tra l’altro, l’adozione della videoconferenza per gli incontri non è stata da tutti accettata. Perdendo altro tempo, in maniera ritenuta ingiustificata, non vorrei che l’agitazione che è ormai diffusa si ufficializzasse e diventasse uno dei segnali di lotta». 
C’è da dire comunque che la capofila Seatour fa tutto quello che è in suo potere, anche in termini di disponibilità, affinchè la vicenda si possa risolvere con la soddisfazione di tutte le parti.

ULTIME NEWS