Pubblicato il

Ius Soli, la Consulta dei cittadini migranti e apolidi aderisce alla manifestazione

Ius Soli, la Consulta dei cittadini migranti e apolidi aderisce alla manifestazione

SOCIALE. Indetta per questo pomeriggio alle 16,30 a piazza Montecitorio a Roma. Il sindaco Pascucci: «Non escludiamo nei prossimi giorni di far sentire la nostra voce sul tema anche con iniziative di protesta eclatanti»

CERVETERI – Ci sarà anche la Consulta Comunale di Cerveteri dei Cittadini Migranti e Apolidi alla manifestazione indetta dai movimenti #Italianisenzacittadinanza e L’Italia sono anch’io, in programma oggi alle 16.30 in Piazza Montecitorio a Roma.
Scenderanno in piazza la società civile, insegnanti, genitori e alunni: torneranno a manifestare sotto i palazzi delle Istituzioni per ribadire la necessità del voto immediato della Riforma che introduce lo Ius soli temperato e lo Ius culturae.
Anche il sindaco Pascucci è intervenuto sull’argomento: «Siamo felici di poter essere presenti all’iniziativa, grazie alla nostra Consulta Comunale dei Cittadini Migranti e Apolidi. Siamo da sempre sensibili al tema dello Ius Soli e Cerveteri ha già fatto un passo avanti seppur simbolico, riconoscendo la cittadinanza onoraria a tutti i bambini residenti nella nostra Città. Così come, sempre nell’ambito delle politiche dell’integrazione, con orgoglio e convinzione abbiamo istituito nel nostro Consiglio comunale la figura del Consigliere comunale aggiunto, eletto all’interno della Consulta dei Migranti, con la quale si è instaurato un forte rapporto di collaborazione al servizio di tutta la Cittadinanza. Non escludiamo nei prossimi giorni di far sentire la nostra voce sul tema, anche con iniziative di protesta eclatanti».
«Come attiviste e come cittadine di Cerveteri non potevamo non essere presenti a questa iniziativa. Soprattutto noi che nella nostra città, a Cerveteri, abbiamo visto una politica dell’integrazione a tutto tondo e che ha dato vita anche a delle iniziative davvero importanti – dichiarano le attiviste della Consulta – i rappresentanti della politica italiana devono dimostrare senso di responsabilità verso tutti quei bambini e quelle bambine che nella nostra nazione, nelle nostre città, ci crescono, frequentano scuole, fanno sport e fanno amicizia, votando immediatamente la Riforma. Anche il Premier recentemente ha espresso il suo parere positivo verso questa riforma, una riforma di civiltà. Auspichiamo davvero che il suo impegno ad approvarla si tramuti in fatti concreti».
 

ULTIME NEWS