Pubblicato il

Centro massaggi cinese nel mirino dei Carabinieri

Centro massaggi cinese nel mirino dei Carabinieri

Fari puntati sulla regolarità dei servizi erogati all’interno. La struttura di viale Palmiro Togliatti è stata posta sotto sequestro

CIVITAVECCHIA – Il centro Shiatsu nel mirino dei Carabinieri. Si tratta dell’ennesima attività commerciale cinese per la quale è stato disposto il sequestro in base ad irregolarità legate alle attività svolte all’interno della struttura. I militari del nucleo operativo dei Carabinieri del capitano Marco Belilli, coordinati dal tenente Roberto Lacatena, hanno messo le mani sul centro massaggi di viale Palmiro Togliatti: nella serata di mercoledì, al termine di accertamenti specifici, sono stati apposti i sigilli e il locale è stato dichiarato sotto sequestro. Nessun dettaglio da parte dei militari operanti circa l’attività di indagine portata avanti nelle ultime settimane, si sa solo che ieri mattina i Carabinieri sono tornati all’interno della struttura per ulteriori accertamenti tecnici. A quanto pare però non erano semplici massaggi shiatsu quelli praticati ai clienti, ma vere e proprie prestazioni sessuali offerte da giovani donne. Gli incontri avvenivano mediante a una procedura collaudatissima: il cliente contattava telefonicamente il centro, una voce femminile – quella della coniuge del titolare dell’attività – avviava il cliente al centro indicandone l’indirizzo e qui il cliente stesso entrava in contatto con una affascinante 53enne che dopo aver contrattato prestazioni e tariffe lo avviava al piano superiore dove veniva consumata la prestazione. Denunciati a piede libero tre cittadini cinesi, D.D. di 41 anni titolare del centro massaggi, la sua consorte S.L di 36 anni e L.G, 53 anni, per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. 

ULTIME NEWS