Pubblicato il

''Ci sarà un risvolto economico importante''

''Ci sarà un risvolto economico importante''

CASTELLO DI SANTA SEVERA .  Il sindaco Roberto Bacheca ringrazia il presidente della Regione Lazio Zingaretti sul progetto per il rilancio del maniero La soprintendente Russo: «Questo è un punto di partenza per l’impegno futuro»

di GIAMPIERO BALDI

 

S. MARINELLA – Soddisfazione, da parte della maggioranza di governo, dopo la conferenza stampa di l’altro ieri che ha consentito di presentare un importante progetto per l’utilizzo del castello di Santa Severa. Per il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, ci saranno importanti investimenti nel 2018, ed in particolare la realizzazione di un ostello della gioventù. Il progetto, nel più ampio complesso, riguarda il potenziamento dei servizi museali, investimenti tecnologici, apertura di nuovi servizi legati alla ricettività ed i servizi di ristorazione. Saranno inoltre potenziati i servizi congressuali, il parcheggio esterno e destinati spazi alle botteghe artigiane. «Ringrazio il Presidente Zingaretti e la sovrintendente dottoressa Russo – commenta il sindaco Roberto Bacheca – che in questi anni, insieme al Comune di Santa Marinella e a LazioCrea, sono riusciti a riconsegnare un bene così prezioso e così importante per tutta l’Etruria meridionale. Siamo convinti che questo ulteriore progetto possa incrementare lo sviluppo turistico, culturale ed occupazionale del territorio, con un risvolto economico importante. Allo stesso tempo, ringrazio i consiglieri Minghella e Grimaldi, che da sempre si sono occupati della vicenda castello, nelle varie e complesse sfaccettature, la Coop Culture per l’ottima gestione dei servizi museali ed il continuo supporto alle attività di sviluppo del castello ed il direttore del Museo Flavio Enei per l’impegno profuso in questi anni». «Mi auguro – conclude il Sindaco – che così come per il castello, si trovi una soluzione condivisa e fattibile per la colonia marina di Santa Severa, che da decenni versa in condizioni pietose e sulla quale il Comune non ha facoltà di intervento». «Sono molto felice – ha sottolineato la Russo – di questo progetto che è senza dubbio un punto di arrivo ma anche un punto di partenza per l’impegno futuro a cui tutti noi siamo chiamati a rispondere. L’intento e gli obiettivi comuni ci hanno permesso di restituire a questo luogo la centralità che aveva, sia dal punto di vista storico, che culturale e archeologico».

ULTIME NEWS