Pubblicato il

''Barriere antirumore, subito il ripristino''

''Barriere antirumore, subito il ripristino''

Il sindaco Roberto Bacheca ha inoltrato formale richiesta alla società autostrade per riportare la situazione alla normalità dopo la distruzione a causa degli incendi Pronta la risposta della spa che ha assicurato di voler risolvere il problema in tempi rapidi

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Il sindaco Roberto Bacheca ha inoltrato una richiesta alla società Autostrade, per chiedere il ripristino delle barriere antirumore dopo la distruzione delle stesse a causa degli incendi di questa estate. Il primo cittadino, infatti, ha scritto una missiva alla società che ha in gestione la manutenzione dell’importante arteria di comunicazione, chiedendo la sostituzione dei pannelli divisori antirumore, completamente bruciati in più tratti dell’A12, durante gli incendi della scorsa estate. «Considerato che durante la stagione estiva – ha dichiarato il Sindaco – a causa di alcuni incendi che hanno colpito il territorio comunale nelle adiacenze dell’autostrada A12 che attraversa il territorio comunale, sono andate distrutte numerose parti delle cosiddette barriere antirumore, abbiamo chiesto di conoscere tempi e modalità per la sostituzione ed il ripristino delle stesse, così da garantire alla popolazione un’adeguata assenza della rumorosità causata dal transito di veicoli”. La società Autostrade, ha immediatamente recepito la richiesta del Sindaco, ed ha comunicato che quanto prima provvederà a risolvere la problematica affidandosi agli uffici competenti, in questo caso l’Ufficio Protezione Acustica della Direzione Generale di Roma. Difficile dimenticare quello che è successo questa estate in città, con diversi incendi, alcuni dei quali provocati dalla mano di qualche incivile che non ha dimostrato di avere a cuore la difesa del territorio cittadino, ha ridotto le colline santamarinellesi in una sorta di trappola mortale. Per giorni e giorni aerei della Protezione Civile, gli elicotteri antincendio, le autopompe dei Vigili del fuoco e centinaia di volontari della Protezione Civile, hanno combattuto per ore per fermare la furia distruttiva delle fiamme, che hanno mandato in fumo ettari di macchia mediterranea, ucciso alcuni animali da cortile e incenerito attrezzature e suppellettili presenti nelle vicinanze delle abitazioni interessate dal fuoco. Tra le cose distrutte, anche alcune barriere plastificate antirumore istallate dalla società Autostrade per mantenere di basso livello basso il fastidioso via vai degli automezzi che transitano durante la giornata.

ULTIME NEWS