Pubblicato il

Parco della Resistenza, problema con gli usi civici

Parco della Resistenza, problema con gli usi civici

Il Sindaco resta fiducioso sulla data di partenza dei lavori  

CIVITAVECCHIA – Problemi con gli usi civici per la ristrutturazione del Parco della Resistenza. Il sindaco Antonio Cozzolino però è fiducioso: «Confidiamo – ha detto il primo cittadino – nella collaborazione dell’Università agraria e per rispettare la tabella di marcia e poter avviare i lavori al parco entro la fine di gennaio». Una battuta d’arresto visto che Enel ha affidato la gara e la ditta è in attesa dell’autorizzazione da parte di Palazzo del Pincio, che verrà rilasciata, parola di Cozzolino, dopo la conferenza dei servizi. 

«È una questione un po’ strana perché, stando alla legge numero 1 dell’86, gli usi civici devono essere liquidati in caso di opera pubblica – prosegue Cozzolino – nel momento in cui si va a fare una variazione della destinazione d’uso: noi non stiamo variando la destinazione d’uso, noi stiamo ristrutturando un parco quindi mi sarei aspettato dalla Regione un parere favorevole senza andare a liquidare gli usi civici. Adesso parliamo con l’Università agraria e vediamo – ha concluso Cozzolino – quanto ci costerà liquidare gli usi civici sul Parco della Resistenza».

ULTIME NEWS