Pubblicato il

Pietro Mencarini: “Su Brio pazzesco autogol del Pd”

Pietro Mencarini: “Su Brio pazzesco autogol del Pd”

Netta presa di posizione del sindaco di Tarquinia che parla di polveroni inutili e demagogici. “I discoli democrat hanno dimenticato come funziona la macchina amministrativa” “L’attacco squallido figlio  di un’ossessione dalla quale quei pochi democratici rimasti non riescono ad uscire dopo la pesantissima sconfitta elettorale”

TARQUINIA – Il sindaco di Tarquinia Pietro Mencarini respinge con forza gli attacchi giunti ieri dal Partito democrati in merito all’organizzazione dell’evento di presentazione del libro ‘’L’ultimo stopper’’ di Sergio Brio atteso in città per il 12 dicembre. Nel mirino dei democrat la scelta del ristorante, per un evento benefico per il quale il Comune ha concesso il patrocinio.

«Dispiace ancora dovere spiegare ai discoli piddini che sembrano aver dimenticato come funziona la macchina organizzativa degli eventi che coinvolgono anche l’amministrazione comunale, che voler fare solo demagogia non è la migliore scelta per un’opposizione seria e costruttiva. – tuona il primo cittadino – Il Pd non si rassegna e la segreteria locale a guida Palmini compie un autogol pazzesco, giusto per rimanere in tema calcistico. L’attacco squallido all’intera maggioranza comunale è figlio di un’ossessione dalla quale quei pochi democratici rimasti non riescono ad uscire dopo la pesantissima sconfitta elettorale. Siccome il Pd vuole far trasparire con queste righe illeciti e situazioni poco trasparenti, siamo costretti a fare chiarezza».

«Il Comune di Tarquinia, in occasione dell’evento in programma per il 12 dicembre, – spiega il sindaco Mencarini – si è semplicemente riservato di concedere il patrocinio mediante apposita richiesta scritta, farsi carico degli oneri pubblicitari e concedere l’utilizzo della Sala consiliare per la presentazione del libro ‘L’ultimo stopper’ di Sergio Brio. L’evento, organizzato nella sua totalità e in maniera impeccabile dall’amico Giulio Claudio Giannuzzi, assistito dal geometra Marcello Fortuzzi, i quali ringraziamo ancora una volta, ha ricevuto dal Comune semplicemente quanto esposto. L’amministrazione, tra l’altro, ha aderito con immenso piacere all’iniziativa soprattutto per il suo scopo benefico».

«Voler sollevare polveroni inutili, sterili e demagogici snaturano l’importanza e l’interesse pubblico che tale manifestazione può raccogliere. – stigmatizza Mencarini – Consiglio al segretario Armando Palmini ed ai consiglieri Anselmo Ranucci e Sandro Celli di cercare fantasmi altrove e farsi un approfondito esame di coscienza sul perché la Città di Tarquinia ha riposto la sua fiducia altrove. Piuttosto, tenga la penna a riposo perché a breve dovrà relazionarci molto su tanti aspetti derivanti dalla gestione decennale, dove proprio il novello e giovane segretario ne è stato protagonista».

ULTIME NEWS