Pubblicato il

Indagato per omissione di soccorso

Indagato per omissione di soccorso

Il 47enne cerveterano scappato dopo il brutto incidente sulla Statale Aurelia si presenta due ore dopo sul luogo e si mette a disposizione della Polizia locale. All’uomo il cui mezzo era sprovvisto di assicurazione è stata ritirata la patente di guida e denunciato in stato di libertà. La dinamica del sinistro al vaglio degli inquirenti. Lorenzo Bonamano è stato dimesso con una prognosi di dieci giorni     

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Indagato per omissione di soccorso il 47enne residente a Cerveteri, A. M. le sue iniziali, che era scappato dopo il brutto incidente stradale avvenuto martedì scorso verso le 18,30 sulla Statale Aurelia nei pressi della ditta di ceramiche Alfani. All’uomo gli è stata ritirata la patente. Non si è proceduto all’arresto perché si è presentato spontaneamente sul luogo dell’incidente circa due ore dopo, mettendosi a disposizione della Polizia locale che era ancora sul posto. Ha motivato il suo allontanamento adducendo di essere sotto shock e spaventato perchè sprovvisto di assicurazione. Va detto che l’uomo era già stato individuato dalla Polizia locale ma mentre erano in corso le ricerche si è per così dire ‘’costituito’’ spontaneamente, per cui è stato denunciato a piede libero. Si è proceduto anche al sequestro della sua autovettura, una Ford C-Max.  
Nel sinistro è stata coinvolta anche la Fiat Punto con alla guida Lorenzo Bonamano, il giovane 20enne cerveterano balzato agli onori della cronaca per aver partecipato all’ultima edizione del talent show X Factor. Il giovane è stato subito soccorso è portato con un’ambulanza del 118 all’Aurelia Hospital ma non ha riportato lesioni gravi per cui è stato dimesso in nottata con una prognosi di dieci giorni. L’esatta dinamica del sinistro è al vaglio degli specialisti della Polizia locale di Cerveteri che hanno effettuato tutti i rilievi di rito. Sembra che entrambe le auto viaggiassero nella stessa direzione (verso Roma) e si sia trattato di un tamponamento.
Un’ipotesi plausibile, suffragata dalla testimonianza di due persone, marito e moglie che viaggiavano in direzione Civitavecchia, che dicono che ad un certo punto si sono trovati la loro carreggiata invasa dalla Ford e che hanno fatto di tutto per evitarla, fa presuppore che l’uomo si immettesse sull’Aurelia in direzione Roma dalla via di Zambra, che abbia accelerato per evitare l’auto con a bordo la coppia invadendo la corsia opposta nella quale sopraggiungeva l’auto di Lorenzo, alla velocità di 70 km orari, che è stata presa in pieno.   
La caccia all’uomo inizia quando un testimone, che stava posteggiato con la sua auto nei pressi, allertato dal tremendo impatto si rende conto che l’uomo alla guida della Ford non si è fermato ma è scappato addirittura con una ruota dell’auto bucata, non accorgendosi lì per lì di aver perso  una delle targhe che ha recuperato successivamente. Ed è a questo punto che è stato determinante e provvidenziale il testimone in quanto, accortisi della manovra e insospettito dal fatto che ha negato di averla presa, è riuscito a prendere modello e numero di targa dell’auto che nel mentre si è allontanata. 
A questo punto non è stato difficile individuare l’uomo che per giunta abita in una via non lontano dal luogo dell’incidente.

ULTIME NEWS