Pubblicato il

Serbatoi di eternit in mare

Serbatoi di eternit in mare

Il rappresentante cittadino del Movimento Cinque stelle Massimo Padroni lancia l’allarme inquinamento Interessato il tratto di costa cittadina di Lungomare Marconi

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Il rappresentante cittadino del Movimento 5 Stelle Massimo Padroni denuncia un vero e proprio atto di inquinamento ambientale perpetrato da ignoti nel tratto di costa cittadina di Lungomare Marconi.

La spiaggia interessata è quella che insiste nella zona a nord di Santa Marinella, dove sono stati collocati in mare una sorta di cubi in pietra, formati da serbatoi di eternit riempiti da cemento e gomme delle auto.

A dare l’allarme è l’esponente degli Amici di Beppe Grillo della Perla del Tirreno, che in un video postato su You Tube, denuncia questa sorta di inquinamento marino. «Si tratta di una delle zone più belle di questa città – spiega Massimo Padroni – infatti, qualche settimana fa, stavamo facendo una passeggiata con alcuni amici in questo splendido lungomare, e ci siamo accorti che c’era una presenza di scogli artificiali, formati da un riciclo di vecchi cassoni in eternit riempiti di calcestruzzo, pietre e pneumatici, probabilmente utilizzati come base degli ombrelloni. Ci siamo avvicinati per vedere come fossero fatti e abbiamo recuperato un pezzo di cassone che conteneva questo materiale e lo abbiamo portato in un laboratorio specializzato per farlo analizzare. Purtroppo, il referto, ci ha confermato che il materiale era amianto, per la precisione crocidolite, che è una fibra dell’amianto definito amianto blu ed è una dei più pericolosi per l’uomo, per la forma delle fibre che sono molto sottili, rigide e affilate”.

“Questa forma di amianto – continua l’esponente penta stellato – è abbastanza nota, in quanto è stata causa di un disastro accaduto in Australia ed in particolare nella regione del Queensland. Ci chiediamo allora, come mai che in un posto molto frequentato come quel tratto di costa nessuno si sia accorto di questa cosa? Che cosa farà il Comune per eliminare questa bomba inquinante”. “Perché questa denuncia? – si chiede Padroni – perché riteniamo che sia importante che ci siano persone e attivisti che contribuiscano a migliorare questa città. Noi siamo sempre in prima linea per quel che riguarda la difesa dell’ambiente e ci farebbe piacere che altri si uniscano a noi per mantenere un continuo controllo su chi con scarso senso civico inquina il nostro territorio e il nostro mare”.

ULTIME NEWS