Pubblicato il

San Nicola, il comitato attacca: “Grando si è dimenticato delle battaglie”

Il sindaco: “Asseconderemo la volontà dei cittadini”

Il sindaco: “Asseconderemo la volontà dei cittadini”

LADISPOLI – Continua il botta e risposta tra il comitato San Nicola e il sindaco Grando in merito alla convenzione da portare in consiglio comunale.

«Nel corso di questi anni ne abbiamo sentite parecchie di parole o di espressioni che, il solo ricordo, agitano i sonni – ha affermato in replica a Grando il comitato – C’è chi ha coniato “stai tranquillo” altri hanno preferito aiutare con uno “stai sereno”.

Il Sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando, è stato più impersonale è ha usato il plurale maiestatis e intende metterci a nostro agio attraverso un comodo “rassicuriamo”».

«Il comunicato di risposta del primo cittadino al nostro documento – ha continuato il comitato –  ci lascia invece molto insoddisfatti: chiedevamo, in sintesi, di rinviare il punto sulla nuova ventennale Convenzione, da stipulare, tra il Consorzio Marina San Nicola e il Comune.

Nel testo comunale non troviamo niente di rassicurante rispetto alle nostre richieste di posticipare la delibera consiliare al termine dei collaudi previsti dalla vecchia ed esaurita Convenzione.

Su questo il Sindaco non discetta, almeno non come fece a Novembre dello scorso anno quando presentò una mozione al passato Consiglio in cui chiosava che l’acquedotto di San Nicola doveva essere trasferito alla proprietà comunale, senza alcuna possibilità di delega al Consorzio. Anche in considerazione delle leggi che regolamentano la materia. Il Comitato non era d’accordo con gli atti della passata Amministrazione circa il destino di San Nicola, ma era in sintonia con il Consigliere di minoranza Grando e con tutti gli altri Consiglieri che hanno sostenuto il nostro diritto all’acqua pubblica.

Ora le cose sono mutate e l’attuale Sindaco sembra aver dimenticato le battaglie che lo hanno contraddistinto in passato. Ma il Comitato, quelle stesse battaglie non le ha perse nell’oblio del giorno dopo le scorse elezioni amministrative.

Chiediamo, ancora una volta, che il punto venga accantonato, almeno fino a quando non saranno esauriti i collaudi.»

«Anche noi – ha continuato il comitato San Nicola –  vogliamo rassicurare che continueremo ad inseguire il traguardo delle legittime aspettative dei Cittadini, oggi e in futuro.

Moltiplicheremo il nostro impegno affinché dalle mozioni possano nascere fatti concreti».

«Sono rimasto sorpreso nel leggere il comunicato stampa pubblicato dal Comitato Marina di San Nicola, con il quale viene contestata la proposta di nuova convenzione tra Comune e Consorzio che sarà discussa  in Consiglio comunale» ha commentato nel giro di poche ore il sindaco Alessandro Grando.

«Ciò in quanto tale convenzione – ha proseguito Grando – non solo è l’ennesimo punto programmatico che portiamo a compimento in breve tempo, ma è anche la proposta che è stata ampiamente illustrata al Comitato di quartiere e ai residenti di Marina di San Nicola durante la campagna elettorale».

«All’epoca – ha continuato nella sua replica il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando –  il Comitato accolse favorevolmente la mia proposta, già presentata in qualità di Consigliere comunale di opposizione nella passata consiliatura, e da allora nulla è cambiato se non, a quanto pare, la posizione del Comitato stesso.

 Inoltre tra le critiche più aspre vi è un argomento, quello della gestione dell’acquedotto, che nulla ha a che vedere con la nuova convenzione».

«L’impressione – ha continuato il primo cittadino di Ladispoli –  è dunque quella che alla base di queste critiche ci siano altre motivazioni, tutte interne alla gestione consortile, nelle quali non posso e non voglio entrare.

Non mi sono mai intromesso nelle vicende interne del Consorzio Marina di San Nicola quando ero Consigliere comunale e non intendo certo cominciare adesso in qualità di Sindaco. Voglio infine ricordare un aspetto cruciale della vicenda: la nuova convenzione non è un atto unilaterale sul quale deciderà d’imperio stasera il Consiglio comunale».

«I consorziati – ha concluso Grando – dovranno decidere se aderire o meno alla proposta nell’assemblea consortile che si terrà il prossimo 17 dicembre. Se i cittadini di Marina di San Nicola non vogliono la nuova convenzione e preferiscono tenersi quella di urbanizzazione in essere, o magari neanche quella, non dovranno fare altro che manifestarlo con un atto formale.

L’impegno che la nostra amministrazione ha preso con i cittadini di Marina di San Nicola è quello di assecondare la loro volontà, ed a questa ci atterremo».

ULTIME NEWS