Pubblicato il

Gentili: “L’amministrazione non ha tutelato la cittadinanza”

Il consigliere attacca il Comune sul passaggio ad Acea

Il consigliere attacca il Comune sul passaggio ad Acea

di GRAZIAROSA VILLANI

BRACCIANO – Inizia male il rapporto tra Acea e Bracciano.

Fioccano le bollette pazze. Il grillino Tellaroli ha avviato ieri una petizione on line. Sulla questione interviene anche il consigliere Claudio Gentili.

«Non c’è famiglia di Bracciano che in questi giorni non sia alle prese con le bollette Acea.

Un esordio per l’utenza braccianese davvero paradossale.

Mentre Acea infatti è responsabile del disastro ambientale del lago di Bracciano i cui livelli sono ai minimi storici – sottolinea il consigliere di Per un’altra Bracciano –  le famiglie braccianesi devono cercare di capire il perché di tali esorbitanti somme richieste in bolletta.

Tra consumi non corretti, fatturazioni non in linea con quanto disposto dalla normativa vigente molte bollette dovranno essere verificate.

E’ evidente che – osserva ancora Gentili – anche in questo settore l’amministrazione comunale non è stata in grado di tutelare la cittadinanza. Le preoccupazioni per il passaggio nella gestione del servizio idrico integrato – conclude – si stanno tutte avverando ed ora il cittadino si trova solo contro il gigante Acea».

ULTIME NEWS