Pubblicato il

Cupinoro, annullati i permessi

Cupinoro, annullati i permessi

La Regione Lazio elimina la possibilità di realizzare nuovi impianti. Tondinelli: “Sempre più uniti non dobbiamo abbassare la guardia”

BRACCIANO – La Regione Lazio interviene su Cupinoeo e annulla tutti i permessi per la realizzazione di impiati sulla discarica di Cupinoro.

Il documento che riporta la data del 14 dicembre a nome della dottoressa Flaminia Tosini, prevede di modificare la Determinazione G15123 del 28/10/2014 e di richiamare che il Commissario ad acta deve procedere alle attività di cui al Decreto del Presidente T00034/2017 di gestione della discarica di Cupinoro limitatamente alle sole attività di mantenimento delle condizioni di sicurezza, di realizzazione del capping mediante procedure ad evidenza pubblica e fino all’esaurimento delle relative procedure di collaudo.

“Apprendo con enorme soddisfazione la decisione della Regione Lazio di ritirare tutti i permessi per la realizzazione di nuovi impianti sul sito di Cupinoro – ha dichiarato il sindaco Armando Tondinelli –  una battaglia vinta grazie alla sinergia con le amministrazioni locali e soprattutto con i comitati dei cittadini, per la mia amministrazione dopo aver ridato acqua potabile alla frazione di vigna di valle questo è un altro obiettivo raggiunto che era un punto cardine del nostro programma elettorale”.

“Ora – ha continuato il sindaco di Bracciano –  sempre più uniti non dobbiamo abbassare la guardia, dobbiamo pretendere la messa in sicurezza la bonifica e il controllo delle matrici ambientali del sito di Cupinoro, ma soprattutto pretendiamo di sapere il perché la fideiussione di circa otto milioni di euro, a garanzia della messa in sicurezza del sito, non sia ancora stata escussa dalla regione Lazio”.

ULTIME NEWS