Pubblicato il

Bacheca: ''Grimaldi e Befani hanno votato sempre con noi''

Bacheca: ''Grimaldi e Befani hanno votato sempre con noi''

Il sindaco Roberto Bacheca replica ai due firmatari di maggioranza che lo hanno fatto cadere Maggi: «Con quelle dichiarazioni si sono resi ancora più ridicoli»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Non accennano a placarsi le polemiche tra l’ex maggioranza Bacheca e i due consiglieri che con la loro firma hanno sfiduciato il sindaco. A rispondere ai due ex esponenti di maggioranza Befani e Grimaldi, sono il sindaco in persona ed alcuni suoi fedelissimi. «Ho letto le deliranti affermazioni dei due ex consiglieri – dichiara Bacheca – e non posso fare a meno di replicare a queste insulse baggianate veramente ridicole. Questi non sanno nemmeno di cosa parlano, considerato che la loro presenza in Comune è stata pari a zero, zero come il nulla che hanno prodotto. Parlano della situazione economica, quando hanno votato con noi gli equilibri di bilancio, sapendo bene che non ci sarà alcun default. I loro “interessi” personali, invece, quelli si che sono a conoscenza di tutti, soprattutto dei loro elettori, che si vergognano di averli votati dopo ciò che hanno fatto. Non vedo l’ora di sfidarli alle prossime elezioni amministrative, sempre se avranno il coraggio di ripresentarsi alla cittadinanza, ma ne dubito, vista la loro codardia». Alle parole dell’ex sindaco si aggiungono quelle di alcuni suoi esponenti. «Forse – aggiunge ironicamente Damiano Gasparri – i progetti veri ed urgenti di cui parlano erano la 167 a Santa Severa o via delle Colonie o il progetto per la riqualificazione del cosiddetto Parco dei Mostri o le varie feste e festicciole in piazza per far contento qualche conoscente». «Ovviamente non sono d’accordo con questa analisi – il commento di Marco Maggi – ma seppure fosse veritiera, hanno condiviso in pieno queste scelte, fino alla fine del mandato elettorale e con queste dichiarazioni assurde si rendono ancora più ridicoli agli occhi dei cittadini». «Tutte cose dette e ridette – dice Calvo – sembra un vecchio comunicato del Pd di Carletti o D’Emilio, ormai l’iniezione sinistroide è entrata anche nell’anima, oltre che nelle bisacce». «Sono davvero rammaricato – conclude Minghella- da queste dichiarazioni, poiché appare evidente che la scelta delle dimissioni, non ha un profilo politico, ma solo personalistico. Mi sembra di leggere le cialtronerie dell’ex sindaco, come se già si preparassero alla candidatura con “l’uomo delle colline”. Si parla di bilancio, forse sanno cosa è? Si parla di iniziative sul territorio, non mi ricordo manifestazioni e iniziative degne di nota, se non che hanno gravato, questo si, in maniera pesante del nostro bilancio. Bilanci che soffrono, non solo quello del nostro Comune, a causa delle scelte scellerate sul fondo di solidarietà il cui unico responsabile porta il nome di Partito Democratico».

ULTIME NEWS