Pubblicato il

''Serviva coraggio e alcuni di noi ce lo hanno messo''

''Serviva coraggio e alcuni di noi ce lo hanno messo''

Befani e Grimaldi tornano a spiegare le ragioni della sfiducia a Bacheca

SANTA MARINELLA – I due ex consiglieri di maggioranza che hanno sfiduciato il sindaco Roberto Bacheca, dopo essere stati bersaglio di critiche feroci da parte di esponenti del centro destra cittadino, ribattono alle accuse evidenziando gli errori commessi dall’ex maggioranza. «Diciamo grazie a Wanda Saccani, responsabile di Forza Italia – dicono la Befani e Grimaldi – per aver , con sincerità, riconosciuto che quanto è accaduto è sintomo che il Sindaco stesso non fosse più in grado di amministrare, non tanto la propria città ma i colleghi, e questo, per mesi, è stato ben visibile agli occhi di tutti. Serviva il coraggio, dunque, e alcuni di noi ce lo hanno messo. Serviva di non restare attaccati alla poltrona e alcuni di noi lo hanno fatto. Per questo motivo, quello della Saccani, è un riconoscimento importante che accogliamo con favore. Del resto parlano i fatti, Marcozzi si è dimesso, Cuciniello si è dimessa, Toppi e Vergati sono passati all’ opposizione, noi ci siamo dimessi. Si tratta di consiglieri che hanno lasciato Bacheca e che nel loro insieme rappresentano più di duemila voti e più di mille preferenze e questo pensiamo risponda con estrema chiarezza a chi si domanda chi ha spaccato il centro destra. Quello che era rimasto attaccato a Bacheca e alle sue poltrone, era ormai meno della metà. Bacheca porterà con sé la responsabilità di aver tritato il centrodestra autoaffondandosi, insieme all’altra croce, quella che altri gli hanno addossato, trascinando un Comune ricco come Santa Marinella sull’orlo del fallimento. Un fallimento che si chiama Minghella di Lazio e Movimento, che ora vorrebbe candidarsi a sindaco, in virtù delle incapacità abbondantemente dimostrate. Auguri».

ULTIME NEWS