Pubblicato il

''Babbo Natale ha portato il porta a porta forzato''

Silvio Bianchini interviene sul bando della raccolta differenziata

Silvio Bianchini interviene sul bando della raccolta differenziata

ANGUILLARA SABAZIA – Il consigliere pd Silvio Bianchini attacca l’amministrazione Anselmo a seguito della comunicazione di voler aderire alla racolta porta a porta.

«E’ di ieri il comunicato dell’Amministrazione comunale con il quale si informa dell’imminente avvio dell’estensione della raccolta differenziata porta a porta a tutto il territorio comunale – afferma Bianchini – non possiamo che compiacerci, ancora una volta, dello scontato epilogo della procedura amministrativa avviata, anche questa, con la passata Amministrazione. Con compiaciuto piacere apprendiamo che l’Amministrazione comunale di oggi, finalmente, riconosce la paternità di questo altro piccolo ma significativo passo avanti su uno dei servizi più controversi degli ultimi 10 anni».«Ci preme, però, evidenziare alcuni punti evidentemente “sfuggiti” all’amministrazione comunale, – continua Bianchini – se non altro per evitare che una conquista possa tramutarsi in un sostanzioso vantaggio economico per l’attuale gestore del servizio: il Consorzio Nazionale Servizi e la sua “affiliata” Cooperativa 29 Giugno. La stessa Coop. 29 Giugno alla ribalta delle cronache giudiziarie romane e tanto avversata dalla Sindaca e dai suoi colleghi di partito durante la campagna elettorale quando il mantra di “liberiamo il Comune dall’odore di mafia” andava a braccetto con “il PRG verrà revocato, senza se e senza ma”. Parole evidentemente pronunciate senza sapere, se non altro per l’epilogo che hanno avuto queste due vicende.

«A circa 2 anni dalla scadenza del contratto – conclude il consigliere Pd – suggeriamo all’Amministrazione comunale di assumersi la responsabilità in merito al credito vantato dal Comune nei confronti dell’appaltatore. In particolare giacciono nelle casse del CNS/29 Giugno circa 110 mila euro da questi preventivati – quindi caricati sull’offerta economica – per la realizzazione della mini isola ecologica a servizio del quartiere di Ponton dell’Elce.

Decida l’amministrazione sul da farsi in merito e assuma consequenzialmente gli atti necessari a far onorare tale credito.

Oppure si usi lo stesso per richiedere maggiori servizi alla ditta considerando, in particolare, che suddetti fondi sono ricompresi nella tariffa che i cittadini hanno pagato, pagano e pagheranno sino alla scadenza del contratto».

ULTIME NEWS