Pubblicato il

Grasso: ‘‘Cozzolino dice che il bilancio è risanato? Diminuisca subito le tasse’’

Grasso: ‘‘Cozzolino dice che il bilancio è risanato? Diminuisca subito le tasse’’

Il capogruppo de La Svolta e consigliere di minoranza incalza il Sindaco pentastellato dopo le dichiarazioni trionfalistiche dei giorni scorsi: "La verità è che i soldi li ha presi dal passaggio dell'acqua ad Acea e dall'accordo sugli swap, che non può tenere nascosto al consiglio" 

CIVITAVECCHIA – “Anche il sindaco Cozzolino e la sua giunta pentastellata hanno iniziato la campagna elettorale. Solo così si spiegano le dichiarazioni sul presunto risanamento del bilancio ed i soldi da spendere improvvisamente trovati sotto l’albero di Natale”.

Duro il capogruppo de La Svolta e consigliere comunale di minoranza Massimiliano Grasso che si rivolge al primo cittadino pentastellato dopo le dichiarazioni trionfalistiche dei giorni scorsi in cui annunciava un bilancio “sano e non intossicato dagli sperperi del passato”.

“Se comunque così fosse – prosegue Grasso – Cozzolino diminuisca subito, con l’imminente approvazione del bilancio di previsione 2018, addizionali, tasse, tariffe e balzelli vari per i cittadini e le imprese civitavecchiesi, che in questi ultimi anni hanno dovuto subire dei veri salassi da parte dell’amministrazione del M5S, senza neppure avere servizi almeno dignitosi in cambio. Peraltro, siamo curiosi di capire da dove arrivi questa improvvisa “ricchezza” del Comune, visto che non risulta che la SGR abbia versato i 3 milioni di Fiumaretta, o che l’AdSP abbia fatto altrettanto con i 6 milioni attesi dal Pincio per l’accordo con il porto. Si parla di recupero dall’evasione – evidenzia il capogruppo de La Svolta – ma in realtà bisognerebbe vedere quanto il Comune riesce effettivamente ad incassare. La verità – tuona Grasso – è che gli unici soldi veramente recuperati da Cozzolino sono quelli derivanti dal passaggio, infatti super affrettato da parte del Sindaco, della gestione del servizio idrico ad Acea”.

Dichiarazioni dure da parte del consigliere di minoranza che conclude: “Ma il Sindaco, che ancora dice di attendere il suo “335”, dopo aver firmato l’accordo con Enel, dopo aver dato il via libera al forno crematorio, non ammetterà mai ora di usare il passaggio dell’acqua ad Acea per fare campagna elettorale con il bilancio “risanato” a scapito della sua acqua pubblica a parole tanto difesa e decantata e con la transazione “segreta” con Nomura sugli swap, che Cozzolino pensa di poter tenere nascosta al consiglio comunale: sono soldi pubblici e non c’è patto di riservatezza che tenga – dice Grasso – nei confronti della massima assise cittadina: Cozzolino deve chiarire i termini dell’accordo e che tipo di rinegoziazione è stata concordata per quei derivati”.

ULTIME NEWS