Pubblicato il

Asl Roma 4, Disturbi dello spettro: aperto il tavolo per l’integrazione socio sanitaria

Asl Roma 4, Disturbi dello spettro: aperto il tavolo per l’integrazione socio sanitaria

L’obiettivo è quello di rendere concreta la medicina personalizzata integrata, organizzata per fasce d’età (prima infanzia, adolescenza, età adulta), tramite accordi operativi tra le parti e finanziamenti specifici delle attività socio - sanitarie

CIVITAVECCHIA – Aperto il tavolo per l’integrazione socio sanitaria per i disturbi dello spettro. Giovedì, in una riunione organizzata e presieduta dal direttore generale della Asl Roma 4 Giuseppe Quintavalle, è stato attivato un tavolo per la realizzazione di modalità riabilitative innovative nel settore della disabilità.

“Partendo dai bisogni di cura di numerosissimi utenti – spiegano dall’azienda sanitaria – si è deciso di avviare interventi di cura integrati che vedono impegnati, per la prima volta, tutti i soggetti interessati presenti sul territorio. Concretamente si tratta di superare i vecchi interventi parcellizzati che si sono rivelati insufficienti ad affrontare la complessità delle condizioni di sofferenza delle diverse disabilità e delle loro famiglie e che erano organizzati dai servizi sanitari accreditati, o dai comuni, o dalla scuola, o dal privato sociale e dalla Asl”.

Per facilitare l’utenza si è quindi deciso di condividere “un modello operativo integrato in cui ciascuno degli attori possa portare il suo contributo tecnico ed economico alla realizzazione dei progetti di vita dei cittadini della Asl Roma 4”.

L’obiettivo è quello di rendere concreta la medicina personalizzata integrata, organizzata per fasce d’età (prima infanzia, adolescenza, età adulta), tramite accordi operativi tra le parti e finanziamenti specifici delle attività socio – sanitarie.

All’incontro di giovedì hanno partecipato anche gli utenti e i loro familiari, il rappresentante dell’Angsa territoriale, l’assessore alla Scuola e la responsabile dell’ufficio scolastico e sociale del comune di Civitavecchia, rappresentanti  del privato accreditato, il direttore dei Tsmree e il direttore dell’Osservatorio sull’Autismo e Adhd, che è stato incaricato di coordinare il tavolo.

È stato inoltre chiesto  di coinvolgere gli altri Comuni del Distretto 1 utilizzando l’accordo di programma.

Sarà, invece, la Asl promuovere detta modalità innovativa presso gli altri distretti. In tempi molto rapidi si intende adottare gli atti conseguenti.

ULTIME NEWS