Pubblicato il

Grando: “Un attacco farneticante”

Il Sindaco replica ai consiglieri Trani e Palermo

Il Sindaco replica ai consiglieri Trani e Palermo

di DANILA TOZZI

 LADISPOLI – Sulla scia della critica innestata dai consiglieri comunali d’opposizione Trani e Palermo sui presunti disservizi dell’ufficio rapporti con il pubblico, questa volta a controbattere è il sindaco Alessandro Grando che coglie l’occasione per confermare piena fiducia all’operato della Flavia Acque e in particolare nella persona del suo amministratore unico Federico Paris; quindi attizzare un pò il fuoco della polemica su quanto invece effettuato dai suoi precessori accusandoli di aver gestito male negli ultimi cinque anni.

«È veramente paradossale che accuse simili giungano da chi ha mal gestito i conti del Comune e ha seguito in prima persona le due partecipate comunali, -ha osservato Grando- ora riunite nella nuova Flavia Servizi, con risultati a dir poco catastrofici.

Non dimentichiamo, infatti, che appena insediati abbiamo dovuto fare i conti con la mancata approvazione del bilancio 2016 da parte dell’Ala Servizi, che ha chiuso l’anno con una perdita di 180.000 euro, e che abbiamo ereditato un Comune al limite del dissesto finanziario. I consiglieri Trani e Palermo fin qui non hanno proferito parola a riguardo, forse per vergogna, ma hanno tenuto a precisare di non voler difendere il privato che ha gestito per anni l’URP prima della Flavia Servizi.

Il privato in questione è, in realtà, una cooperativa molto nota a Ladispoli, beneficiaria di numerose proroghe contrattuali e con la quale pare che alcuni amministratori di maggioranza della passata consiliatura avessero rapporti molto stretti, al punto di poter chiedere e ottenere assunzioni di amici e parenti nonché favori personali».

«Non contenti – ha aggiunto Grando –  i due consiglieri si sono lasciati andare in un attacco farneticante nei confronti dell’Amministratore unico della società partecipata, il dottor Federico Paris, reo, secondo i due, di non aver saputo organizzare il servizio e di amministrare male l’ordinario. Tutto questo, ovviamente, è finito il 25 giugno 2017, quando la Città ha deciso di cambiare rotta e di dare ad altri la possibilità di risollevarne le sorti.

L’unica via percorribile per riuscire in questo intento è mettere le persone giuste al posto giusto, ovvero professionisti seri e competenti, non i soliti amici e compagni di partito tanto cari ai consiglieri Trani e Palermo.

Federico Paris, stimato dottore commercialista, è sicuramente la persona giusta per ricoprire tale difficile ruolo di una società complessa come la Flavia Servizi.

E in questo breve lasso di tempo ha già dimostrato con i fatti di valere molto di più dei suoi predecessori e non ho nessuna intenzione di dare retta a chi mi chiede di epurarlo, soprattutto se a fare certe richieste è qualcuno che è stato epurato dai cittadini».

ULTIME NEWS