Pubblicato il

Incendio alla Calamatta: la scuola resta chiusa

Incendio alla Calamatta: la scuola resta chiusa

Gran lavoro per i Vigili del fuoco di Civitavecchia. I Carabinieri seguono la pista dolosa

CIVITAVECCHIA – Vasto incendio oggi pomeriggio intorno alle 18,30 all’interno della scuola secondaria di primo grado Calamatta di via Don Milani.

Sul posto sono intervenuti  i vigili del fuoco del comando di Roma, con una squadra e un’autobotte, per lo spegnimento del rogo che ha interessato due stanze con le classi che sono state invase dal fumo. I pompieri, prontamente intervenuti, hanno impedito alle fiamme di propagarsi verso altri locali dell’istituto posti al piano terreno da dove è divampato l’incendio.

Sul luogo sono intervenuti, oltre ai pompieri della caserma Bonifazi di Civitavecchia, anche il Sindaco Antonio Cozzolino, il personale dell’ufficio tecnico e l’ingegner Iorio, l’assessore Tuoro, preside e vice preside, alcuni rappresentanti di classe, i Carabinieri e un coordinatore di Protezione civile.

Immediatamente è stato organizzato un vertice in loco con i responsabili, per organizzare la nuova ubicazione degli alunni al fine di non far perdere loro le lezioni.

Ingenti i danni all’edificio: distrutta l’area adibita ai bidelli, compromesso l’impianto elettrico, muri anneriti e danneggiate anche le cassette delle manichette antincendio.

Alla luce di quanto riscontrato, il sindaco Cozzolino  ha disposto, per la giornata di domani, la chiusura della scuola al fine di consentire agli organi preposti di verificare l’entità del danno subito e valutare le successive azioni da intraprendere per il necessario ripristino dell’attività scolastica.

Ingente e capillare il lavoro dei Vigili del fuoco che si sono fatti strada tra il denso fumo che ha invaso tutta la struttura ed hanno estinto le fiamme, controllando, contestualmente, che non ci fossero persone rimaste all’interno.

Secondo quanto appreso, i Carabinieri, titolari dell’indagine, stanno seguendo la pista dolosa sulla base di elementi emersi che riporterebbero l’accaduto proprio a tale modalità.

ULTIME NEWS