Pubblicato il

Si farà l’accordo tra Comune e Cimaglia

Attacco del consigliere di minoranza Gentili  

Attacco del consigliere di minoranza Gentili  

di GRAZIAROSA VILLANI

BRACCIANO – L’accordo tra Comune di Bracciano e cittadino Arturo Cimaglia si farà. La delibera adottata all’ultimo Consiglio comunale, a maggioranza, apre la strada alla procedura concordata prevista dall’articolo 11 della legge 241/1990 con Cimaglia ed altri. (agg. 15/01 ore 22.51) segue

LA SEDUTA. Nella seduta si è preso atto della relazione redatta dall’avvocato Enrico Michetti, professore di Diritto degli Enti Locali presso il Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, all’uopo nominato dalla giunta Tondinelli con un incarico che prevede una spesa (anche per le questioni legate al servizio idrico integrato) di 12.688, è stata respinta, in apertura di discussione, la pregiudiziale avanzata da parte di minoranza ed illustrata dal consigliere di opposizione Claudio Gentili, con la quale, ritenendo la delibera un atto gestionale e non indirizzo, chiedeva conto al segretario comunale facente funzione Antonio Bucefalo della regolarità della procedura data l’assenza di pareri alla proposta di delibera all’ordine del giorno. Dopo una sospensione Bucefalo ha sostenuto che la procedura è regolare. La relazione di ben 237 pagine ricostruisce oltre 20 anni di carteggi tra Comuni e cittadino Cimaglia. Una relazione che il consigliere Chiara Mango ha definito “memoria di parte per i contenuti”. Ha votato a favore invece l’ex presidente del Consiglio Luca Testini. Il consigliere di minoranza Claudio Gentili ha votato contro. (Agg. 15/01 ore 23.30)

IL COMMENTO. «Esprimo il mio voto contrario per due motivazioni – ha detto Gentili, in sede di dichiarazione di voto – una di carattere preliminare l’altra di merito. In via preliminare in quanto la proposta di delibera in oggetto non costituisce un atto di indirizzo tale da non avere bisogno dei pareri di regolarità tecnica e contabile previsti dall’articolo 49 del Testo unico degli Enti locali. Riguardo il merito – ha detto ancora Gentili – perché la proposta di delibera in oggetto prevede la realizzazione di interventi per cui la Regione Lazio ha definito il palese contrasto con la normativa urbanistica vigente».

Con la delibera si dà mandato al responsabile dell’Area Urbanistica e Ambiente, architetto Lidia Becchetti, per gli adempimenti conseguenti. La vicenda, a quanto si appreso, non tornerà in discussione in Consiglio comunale.  (agg. 15/01 ore 23.50)

ULTIME NEWS