Pubblicato il

Appalto rifiuti a Montalto, Lucherini: "Una gestione superficiale e inadeguata"

MONTALTO DI CASTRO –  Una gestione dei rifiuti portata avanti con superficialità. È quanto sostiene il leader del gruppo consiliare ‘’Un’altra storia’’, il consigliere Alessandro Lucherini in merito all’indagine della Procura di Civitavecchia che coinvolge l’amministrazione Caci sull’appalto scaduto e più volte prorogato. (agg. 20/01 ore 16.24) segue

“NEGATO SEMPRE QUALSIASI CHIARIMENTO”. “Che la gestione dei rifiuti a Montalto di Castro sia stata trattata con superficialità e inadeguatezza è da tempo sotto gli occhi di tutti i cittadini e di tutte le forze di opposizione che si sono avvicendate in questi anni e che hanno sempre fatto notare l’illegittimità delle proroghe inerenti al servizio della gestione dei rifiuti affidata alla ATI Aimeri / Lanzi nel 2008 – spiega Lucherini – Alle molteplici osservazioni dell’opposizione la maggioranza ha sempre negato qualsiasi chiarimento, facendo orecchie da mercante ed aumentando in modo esponenziale l’imposta sulla TARI (tassa rifiuti) proprio in virtù delle infinite proroghe, forse frutto dell’incapacità di redigere un bando per l’assegnazione del servizio della raccolta rifiuti”.

“Il blitz delle forze dell’ordine nel Palazzo Comunale non ci stupisce,- aggiunge il consigliere d’opposizione – ci auguriamo che chi debba rispondere di questa situazione ne paghi le conseguenze se ritenuto colpevole, ma il nostro unico interesse rimane la tutela dei cittadini sui quali ricadono i contraccolpi di una mala gestione della cosa pubblica”. (agg. 20/01 ore 17)

“SI CHIARISCANO ANNI DI PRESSAPOCHISMO”. “Non è il momento dei tecnicismi e dei numeri, è il momento di chiarire anni di pressapochismo che non si limitano solamente alla gestione dei rifiuti:- conclude Lucherini – basti ricordare il Centro Maratonda ancora inagibile dopo anni, il rifacimento imbarazzante del Lungomare Harmine, le opere pubbliche sulle quali sono state messe le mani troppe volte con conseguente sperpero di denaro pubblico ed i milioni di mutui accesi nonostante le critiche mosse alle passate amministrazioni”.

“Ho sempre sostenuto che una buona amministrazione del bene pubblico debba essere a misura del cittadino – conclude Lucherini – perché l’obiettivo di ogni amministrazione deve essere la tutela della popolazione ed il raggiungimento di un benessere sociale del quale possano godere tutti senza distinzioni”. (agg. 20/01 ore 17.30)

ULTIME NEWS