Pubblicato il

Appalto rifiuti a Montalto, piovono interventi

Appalto rifiuti a Montalto, piovono interventi

Le opposizioni questa mattina hanno depositato la richiesta di un’assise urgente: ''Si riferisca in consiglio comunale'' Piena fiducia nell’operato del sindaco Caci da parte del presidente della Fondazione Vulci Carmelo Messina e del coordinatore FI Bacocco

MONTALTO – Si dividono le opinioni di fronte all’inchiesta che coinvolge il Comune di Montalto di Castro sull’appalto per la nettezza urbana. Le opposizioni colgono l’occasione per affondare la lama, chiedendo la convocazione urgente di un consiglio comunale ma c’è chi è pronto a dare rassicurazioni sull’integrità del sindaco Caci.

I consiglieri Alessandro Lucherini ed Eleonora Sacconi del gruppo consiliare minoranza ‘‘Un’altra Storia’’, Quinto Mazzoni del Pd e Francesco Corniglia del Movimento Cinque Stelle stamattina hanno infatti depositato presso gli uffici comunali una richiesta di convocazione urgente del consiglio comunale. «Tale richiesta, – spiegano – indirizzata al presidente e sulla base del regolamento relativo al funzionamento dello stesso, ha come ordine del giorno la richiesta di delucidazioni riguardo gli ultimi eventi, che hanno visto l’irruzione dei Carabinieri e della Finanza in Comune e il successivo invio di avvisi di garanzia a due funzionari e al Sindaco insieme all’assessore ai Lavori pubblici. Le vicende richiedono maggiori approfondimenti e non possiamo fermarci ad un semplice comunicato dove si dichiara di ‘‘mettersi a disposizione della magistratura’’. Lucherini parla di «una gestione superficiale e inadeguata», Mazzoni rimarca che la cosa pubblica è di tutti», intanto però non mancano prese di posizione a favore dell’operato del primo cittadino. (agg. 20/01 ore 21. 46) segue

“SOLIDARIETA’ A CACI CONTRO PETTEGOLEZZI E STRUMENTALIZZAZIONI”. «Vorrei spendere qualche parola a sostegno di Sergio Caci, uomo corretto e assolutamente aperto alle ragioni degli altri – dice Carmelo Messina, presidente della Fondazione Vulci – Lo dico per esperienza personale – commenta Messina sul suo profilo facebook – Quando ci ha nominato consiglieri di Fondazione Vulci gli abbiamo chiesto una preventiva dichiarazione in cui si pronunciava a favore del «merito» nelle scelte manageriali e contrario ai criteri lottizzatori tradizionalmente adottati dai più. E Caci lo ha fatto, non si è mai pentito e non ci ha mai chiesto nulla di poco commendevole». «Adesso, insieme ad altri, politici e funzionari, – prosegue Messina – subisce l’onta di una perquisizione e di un avviso di garanzia per problematiche di nettezza urbana. Per il magistrato che riceve un esposto indagare è un atto dovuto e ci inchiniamo dinanzi a tale decisione. La solidarietà a Caci non è contro i magistrati ma contro pettegolezzi e strumentalizzazioni di falsi amici, di concorrenti politici e di ‘‘pierini’’ che dalle tue disgrazie pensano di trarre benefici».(Agg. 20/01 ore 22.15)

ANCHE IL COORDINATORE PROVINCIALE DI FORZA ITALIA ESPRIME SOLIDARIETA’ AL SINDACO CACI. «Spesso far passare un’inchiesta per una condanna diventa un boomerang per chi specula sulle disgrazie altrui. – conclude il presidente – Troppo avvilente il modo di agire di costoro. In me suscita l’effetto contrario e per questo se votassi in questa circoscrizione voterei per Caci. Per rifiuto dei giudizi sommari. E per l’idea che mi sono fatto dell’uomo». Anche il coordinatore provinciale di Forza Italia Dario Bacocco esprime piena fiducia nell’operato del sindaco di Montalto Sergio Caci: «Voglio esprimere la mia piena solidarietà all’amico Sergio Caci – afferma Bacocco – La conoscenza diretta che ho di Sergio, la sua accertata dedizione nello svolgere al meglio la carica di sindaco ed il suo essere sempre al servizio dei cittadini, mi spinge a pensare che uscirà dalla vicenda che lo coinvolge in maniera assolutamente pulita e trasparente. Auspico che la questione si concluda in tempi rapidi e bene ha fatto il sindaco Caci nel mettersi a completa disposizione della magistratura al fine di chiarire al più presto ogni singolo aspetto che lo riguarda». «Ripongo altresì fiducia nel lavoro della magistratura – conclude Bacocco – che avrà modo di appurare la verità, ben valutando l’operato di Caci e non dando adito a esposti che hanno il solo scopo di mettere in cattiva luce chi opera con passione ed abnegazione». (agg. 20/01 ore 22.50)

ULTIME NEWS