Pubblicato il

Gli studenti del ‘‘Di Vittorio’’ alla scoperta della città di Gaeta

Il percorso Afm ha visitato tutti gli angoli della località

Il percorso Afm ha visitato tutti gli angoli della località

di DANILA TOZZI

LADISPOLI – Gli studenti dell’Istituto Superiore “Giuseppe Di Vittorio” alla scoperta di Gaeta, accompagnati dai docenti Antonio Riccitelli, Francesca Paolucci, Maria Antonietta Asole e Angela Pangallo, gli allievi del corso Amministrazione Finanza e Marketing hanno visitato la città in tutti i suoi angoli: dal borgo vecchio alle ‘sculture di luce’, due giorni, dedicati all’arte, alla cultura e alla bellezza dell’antichissima città laziale sospesa fra la storia e il mito (il suo nome deriverebbe, come è noto, secondo la leggenda, dalla nutrice di Enea). Ma gli studenti del ‘Di Vittorio’ hanno voluto anche attraversare Gaeta percorrendo la sua arteria principale, via dell’Indipendenza, la strada dell’antico borgo marinaro e contadino, dove da millenni si incontrano i sapori della terra e quelli del mare.

«Si tratta di un itinerario irrinunciabile – ha sottolineato il professor Antonio Riccitelli – che consente di scoprire l’anima più profonda della città: un percorso allo stesso tempo gastronomico e culturale all’interno delle tradizioni, della storia e dell’identità complessa di questo luogo, una sintesi perfetta dei suoi caratteri più autentici».

E ha così sintetizzato la dirigente scolastica dell’Alberghiero, professoressa Vincenza La Rosa «Conoscere l’arte, in ogni sua forma, significa conoscere le proprie origini e quindi acquisire coscienza di quella dimensione estetica, di quella bellezza che costituiscono parte integrante della nostra identità. La scuola deve aprirsi al mondo ed essere pronta a superare il proprio perimetro, a ‘spostarsi’ fisicamente là dove l’arte e la cultura ci chiamano. È questo il senso più profondo delle cosiddette ‘uscite didattiche’ o ‘visite di istruzione’: la conoscenza».

ULTIME NEWS