Pubblicato il

De Paolis (Agraria): "Sugli usi civici serve una convenzione"

De Paolis (Agraria): "Sugli usi civici serve una convenzione"

Il presidente dell'ente: "In tre anni e mezzo Cozzolino non ha nemmeno fatto il censimento dei terreni"

CIVITAVECCHIA – Gli usi civici saranno la Waterloo del sindaco Cozzolino e della sua incapacità.

A sostenerlo è il presidente dell’Università Agraria, Daniele De Paolis, che risponde all’accusa del primo cittadino di aver “disatteso gli accordi presi” sulla liquidazione di quelli che insistono sul Parco della Resistenza.(agg. 23/01 ore 13.21) segue

“TERRENI NON CENSITI”. “In tre anni e mezzo – prosegue De Paolis – Cozzolino non ha nemmeno censito i terreni comunali che sono ancora gravati da usi civici e quindi dai diritti di godimento collettivo che spettano alla comunità sui terreni pubblici o privati che siano. Inoltre si è voltato dall’altra parte quando l’Università Agraria, titolare di questi diritti riconosciuti da una sentenza del ’90, ha chiesto di firmare una convenzione che regolasse la materia una volta per tutte. Nel frattempo – tuona De Paolis – il Comune ha continuato a fare cassa, esigendo i diritti di superficie dai privati e continua a farlo malgrado qui diritti spettino all’Agraria. Credo – evidenzia – a questo punto di aver chiarito anche di chi è la colpa se in tre anni e mezzo Parco della Resistenza non è stato ancora regolarizzato insieme a tutto il resto”.(Agg. 23/01 ore 14)

“USI CIVICI USATI COME ALIBI”. Ma il presidente dell’Agraria di Civitavecchia replica anche su quanto detto dal primo cittadino.  

“Sui toni allusivi e poco istituzionali assunti dal Sindaco in questa vicenda, personalmente sono disposto a sorvolare, ma non posso consentire che gli usi civici servano a Cozzolino e alla sua giunta – continua duro De Paolis – come alibi per coprire la loro conclamata incapacità di realizzare una sola opera pubblica, dando sempre e solo la colpa agli altri. Un gioco sporco – conclude – che non va lontano e di cui fanno le spese la città e in questo caso i singoli cittadini proprietari di case o di terreni”. (agg. 23/01 ore 14.30)

ULTIME NEWS