Pubblicato il

Bilancio molto positivo per la manifestazione ‘‘Mare d’inverno’’

L’evento giunto alla 26esima edizione ha riunito molti volontari

L’evento giunto alla 26esima edizione ha riunito molti volontari

di DANILA TOZZI

LADISPOLI – Bilancio più che positivo quello della 26^ edizione del Mare d’Inverno promossa dall’associazione ambientalista “Fare Verde” in molti litorali italiani, e qui punto di ritrovo, il lungomare Marina di Palo.

«Quello che ci spinge ad essere ottimisti, dopo la manifestazione di domenica – spiega Walter Augello, responsabile locale di ‘Fare Verde’  – è il numero di adesioni che abbiamo raccolto e soprattutto l’interesse destato dalla manifestazione, tante le associazioni di volontariato e gruppi sportivi, che ci hanno affiancato, tra cui il gruppo volontari SalvaguardiAmo Bracciano, l’associazione Vola Alto, le Guardie Ecozoofile – Fare Ambiente, Comitato Rifiuti Zero Ladispoli, Memento Naturae, Alsium Caere Trail e Unione Rugby Ladispoli. Il bel tempo ha fatto sì che oltre ai volontari, siano venuti, partecipando attivamente, molti genitori con figli al seguito, vuol dire che tra i cittadini di Ladispoli c’è interesse per il mare e per l’ambiente».

Oltre all’assessore Marco Milani ed ai delegati Annalisa Burattini e Francesca Lazzeri quest’anno per la prima volta abbiamo avuto la visita del sindaco di Ladispoli Alessandro Grando, «siamo felici che il neo primo cittadino abbia accolto il nostro invito, questo dimostra, rispetto agli anni scorsi, che l’amministrazione comunale ha una diversa sensibilità verso per l’ambiente».

L’operazione di pulizia promossa da Fare Verde è stata l’occasione per informare i cittadini sulle possibilità di riduzione dei rifiuti, grazie a un volantino che conteneva informazioni sul ciclo dei rifiuti e alcuni consigli utili per ridurli a partire dall’acquisto.

Comunque sulla spiaggia si è riempita una cisterna da 500 litri di plastica, con tanti cotton fioc, tubi in plastica di 4/5 metri e del diametro di 15 cm, copertoni di varie misure e un banco refrigerato da bar.

«Purtroppo c’è da registrare l’ennesima profanazione della tomba a cappuccina emersa dopo le mareggiate del settembre scorso, un atto di macabro vandalismo che ha lasciato la sepoltura ormai totalmente spoglia». 

ULTIME NEWS