Pubblicato il

Potere al popolo: candidati a gamba tesa sul M5S e sulla gestione del porto

Potere al popolo: candidati a gamba tesa sul M5S e sulla gestione del porto

Sostegno espresso anche dal portavoce nazionale Viola Carofalo

CIVITAVECCHIA – Sono stati presentati dal coordinatore locale Fabrizio Baffetti i candidati al Parlamento del nuovo partito Potere al Popolo. Germano Di Francesco sarà candidato alla Camera nel collegio locale e Franco Bartolomei nel collegio del Senato. Insieme cercheranno consensi sottolineando la loro alternatività al Movimento Cinque Stelle e al centro sinistra tradizionale. Presente anche Roberta Leoni candidata nel collegio di Viterbo.

Di Francesco candidato alla Camera ha duramente attaccato i Cinque Stelle, ma anche la gestione del Porto: “È assolutamente oscura, non si capisce infatti dove finisce la ricchezza tanto millantata. Io vedo solamente tanto precariato”. (agg. 31/01 ore 20.09) segue

IL COMMENTO DI LEONI. Dura anche la candidata Roberta Leoni: “Il Pd di Renzi ha distrutto la scuola pubblica, prima della sua riforma c’era una condivisione nella gestione della scuola. Ora invece i dirigenti decidono tutto grazie all’assunzione dei professori a chiamata che di fatto risponderanno sempre al datore di lavoro”. Franco Di Bartolomei ha spiegato invece che “Potere al Popolo è stato creato in poche settimane da persone provenienti da realtà differenti per rappresentare realmente un’alternativa a chi deve solamente governare il Paese per far rispettare il patto di bilancio europeo”. (agg. 31/01 ore 20.30)

BAFFETTI ATTACCA IL CENTROSINISTRA. Il coordinatore locale Baffetti è andato all’attacco del centrosinistra: “Noi siamo la sinistra, gli altri rappresentano il centro, compreso chi si è staccato dal Pd per poi farci le alleanze come Liberi e Uguali”. Sulla neonata formazione politica civitavecchiese è arrivata anche la benedizione di Viola Carofalo, leader e portavoce nazionale del movimento: “Fino a qualche giorno fa ci davano per spacciati e ci hanno deriso: abbiamo risposto alla nostra maniera, andando fra la gente e in pochissimi giorni abbiamo raccolto più di 50mila firme. Questo è un grande traguardo – ha dichiarato – per un movimento che ha solo due mesi. E ora che le scadenze burocratiche sono finite, possiamo dedicarci a cosa ci piace di più e cosa ci viene meglio: parlare al popolo, ascoltare di cosa ha bisogno e portare avanti il nostor programma, punto per punto, fino e oltre il 4 marzo”. (agg. 31/01 ore 21)

ULTIME NEWS