Pubblicato il

Nessun pericolo di contagio: rimangono gravi le condizioni della donna colpita da meningite

Nessun pericolo di contagio: rimangono gravi le condizioni della donna colpita da meningite

di DANILA TOZZI

CERVETERI – Permangono critiche le condizioni della signora P. che martedì scorso è stata ricoverata per una sospetta meningite all’ospedale Gemelli dove è stato necessario portarla (dopo un primo passaggio al San Paolo di Civitavecchia) e dove tuttora si trova, nel reparto di rianimazione. La donna 68 anni residente in una zona centrale di Cerenova aveva accusato una febbre molto alta, dolori e  tosse per cui si era reso indispensabile il suo trasporto in ospedale. (agg. 02/02 ore 15.53) segue

LA DIGANOSI. Ad un inziale riscontro valutando la sintomatologia che necessitava di ulteriori accertamenti, la diagnosi era stata quella di una malattia seria e temuta, la meningite appunto, su cui si era andata ad innescare una polmonite virale. Da qui la direzione sanitaria dell’Asl F4 come da protocollo si era attivata comunicando a tutti quelli che erano venuti in contatto con la donna, negli ultimi 8/10 giorni, di effettuare una terapia antibiotica prevista in questi casi. Perciò parenti, amici e conoscenti erano stati invitati ad avviare la terapia antibiotica nelle 48 ore successive dal momento del ricovero. Quindi dopo un susseguirsi spasmodico di telefonate e notizie non sempre attendibili era arrivata dal nosocomio romano la smentita che si trattasse di una meningite del ceppo meningococco, quindi non si trattava di un’infezione di tipo contagioso. (Agg. 02/02 ore 16.30)

LE RASSICURAZIONI DELLA ASL. A rafforzare questo pronunciamento il comunicato rassicurante dell’Asl nel quale si evidenzia “che si esclude nel modo più assoluto che trattasi di meningite di tipo contagioso e quindi non c’è nessun pericolo di contagio” per chi è stato in contatto con la sfortunata signora, le cui condizioni, come si diceva, rimangono comunque molto gravi.(agg. 02/02 ore 17)

ULTIME NEWS