Pubblicato il

Tutti uguali, tutti diversi

Tutti uguali, tutti diversi

Ieri mattina la sfilata di carnevale della Salvo D’Acquisto ispirata al tema dell’inclusione

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Ieri mattina alle 10 ha aperto le sfilate delle scuole del territorio la Salvo D’Acquisto. La dirigente Velia Ceccarelli e gli insegnanti hanno avuto un gran daffare per organizzare una manifestazione in ambito sociale per il carnevale,  con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’inclusione. Così dopo le classi dell’infanzia, che hanno aperto la sfilata, seguono i bambini e le bambine della primaria, protagonisti del nessuno escluso: tutti uguali, tutti diversi. Una grande sfilata con musica, canti e balli che ha attraversato le strade cittadine.  (agg. 09/02 ore 10) segue

IL CORTEO. Il gioioso corteo partito dal piazzale della scuola, uno dietro l’altro, a passo d’uomo, ha raggiunto la postazione finale alla rotonda di via Settevene Palo all’incrocio con viale Manzoni. Attraverso le maschere si è ricreato il mondo dell’infanzia, quel mondo dove non ci sono pregiudizi, dove tutti sono liberi di sognare e di immaginare. Tanti gli argomenti raffigurati dal candore dei bambini e delle bambine quali la diversità è una festa; insieme è più bello (ricreato con i colori dell’arcobaleno); tutti uguali, tutti diversi; tutti uguali, ognuno è speciale e se non ti piace quello che vedi cambia il modo di guardare. Una grande festa che assume un significato di forti valori umani, piena di contenuti e simbolo di aggregazione sociale, dove la diversità traspare solo nelle maschere di carnevale. Emblematica la presenza di John Lennon che rappresentava il sogno di un mondo di pace dove lui era il sognatore ma per fortuna non da solo. (agg. 09/02 ore 10.30)

SODDISFAZIONE PER LA MANIFESTAZIONE. Dagli sguardi dei presenti si percepiva apprezzamento e gradimento per una manifestazione pienamente riuscita. Un meritato riconoscimento va all’intero corpo docente e ai genitori per l’impegno nella creazione e realizzazione di tutti i costumi. Sarà un insegnamento e un esempio per le giovani generazioni che si troveranno a doversi impegnare sempre più su questi temi ispirati alla salvaguardia e al riconoscimento dei diritti umani. La sfilata finisce nel grande cortile della scuola dove il sindaco insieme alla dirigente Ceccarelli salgono sul palco improvvisato all’ingresso principale e ringraziano i bimbi per questa festa significativa quanto colorata. Pascucci, in particolare, auspica che quanto rappresentato siano i valori fondanti per il futuro. Come cedere il testimone alle nuove generazioni per una evoluzione culturale volta all’inclusione e all’uguaglianza. (agg. 09/02 ore 11)

ULTIME NEWS