Pubblicato il

Zito cerca ingegneri e architetti per lavorare gratis

Zito cerca ingegneri e architetti per lavorare gratis

La singolare idea del vicesindaco con delega ai lavori pubblici per cambiare il volto della città  

di TONI MORETTI

CERVETERI – A stravaganti bizzarrie ormai si assiste ogni giorno specialmente in un settore, quello della politica, nervoso, a volte estemporaneo, privo di riferimenti ideologici solidi, pieno di modi sperimentali di fare politica con un solo obiettivo: non più manipolare la gente in maniera classica, con la promessa di un vantaggio, tipico sotto le elezioni, ma avendo scoperto la voglia di partecipazione che ha la gente in generale, si è pensato di selezionare il target ed intervenire per settore. Hanno tentato di farlo con i servizi sociali e la scuola dove alle sbandate e alle incompetenze istituzionali si era tentato di mobilitare le mamme a supporto di amministrazione che le pratiche le produceva tutt’altro che buone ma anzi in forma convulsa e strampalate.
Ora, l’altro ieri mattina, Giuseppe Zito, ispirato, scrive sul suo profilo Facebook che in qualità di vice sindaco con delega ai lavori pubblici, ha delle idee grandiose per cambiare il volto alla città e che organizzerà un gruppo di lavoro formato da ingegneri e architetti che vorranno partecipare per favorire un confronto con tecnici del luogo e possano velocizzare un ufficio in affanno perché sotto organico, dove la partecipazione naturalmente sarà gratuita. O parbleu!.  
Sarà il carnevale e la sua euforia che ha trascinato  e condizionato l’ispirazione di Zito il quale avrà pensato: ”Se quanto dico, se proprio sarà catalogata come una cazzata potrò sempre dire che a Carnevale ogni scherzo vale”. 
O niente di meno è stato un modo inibitorio per impedire a chiunque cerca incarichi o lavoro, e si attiva in un momento ritenuto tra i più proficui, la vigilia delle elezioni, per carpire qualche promessa, di non provarci neanche perché non ci sarebbe trippa per gatti. Esperimento pericoloso per lui che rientra si nella logica che hanno voluto diffondere degli assessori boy scout con raduni e chiamate a raccolta volontarie, per il bene del paese, per cambiarlo a costo zero, perché proprio a lui potrebbero fare una domanda: ”Scusa Zito ma tu da qualche tempo, non tantissimo dove lavori? Per quale fine? E lo fai anche tu gratuitamente?” 

ULTIME NEWS