Pubblicato il

Barbazza: ''Noi non abbiamo deciso nulla''

Barbazza: ''Noi non abbiamo deciso nulla''

Il gruppo ‘‘Liberi e uguali’’ si divide sulla scelta del candidato sindaco La portavoce Marinella Elia sta con Casella ma c’è chi cerca l’unione del centrosinistra

S. MARINELLA – Il dottor Renzo Barbazza, uno tra i primi in città ad aderire al movimento Liberi e Uguali, intende fare alcune precisazioni in merito a quanto riportato in un comunicato emesso dalla portavoce locale Marinella Elia, che affermava il sostegno incondizionato al candidato sindaco della lista di sinistra Lorenzo Casella, evidentemente senza aver sentito tutti coloro che avevano partecipato agli incontri. Tra questi c’è il dottor Barbazza, che non condivide le esternazioni della Elia. (agg. 16/02 ore 11.27) segue

“UNIFICARE IL CENTROSINISTRA”. «Alcuni componenti locali di Liberi e Uguali tra cui Marinella Elia autrice della nota – afferma Barbazza – fanno parte de Il Paese che Vorrei e sostengono la candidatura a sindaco di Casella. Altri, tra cui il sottoscritto, fanno parte di Santa Marinella Bene Comune e non hanno, a tutt’oggi, preso nessuna decisione in merito ad un eventuale sostegno o partecipazione alla coalizione di Casella o di Tidei, ritenendo necessario portare avanti il tentativo di unificare il centrosinistra per avere la speranza concreta di battere il centrodestra che da dieci anni amministra la città e che, negli ultimi 26 anni, ha vinto cinque competizioni elettorali su sei, soprattutto a causa delle ricorrenti divisioni del centrosinistra che ha vinto una sola volta con Tidei nel 2005». Barbazza, infatti, ricorda che, per tentare la riunificazione della sinistra, ha avviato diversi incontri che, ad oggi, non hanno portato all’effetto sperato. (Agg. 16/02 ore 12)

“AVREMMO VOLUTO UN CONFRONTO”. «Noi – continua il dottor Barbazza – avremmo voluto che fin dall’inizio, prima ancora delle due candidature bloccate, ci fosse stato un confronto più ampio e democratico, senza pregiudiziali, ma fondato su programmi, persone e alleanze possibili, che probabilmente avrebbe portato ad una condivisione politica unitaria del percorso da seguire. Il nostro obiettivo primario è quello di evitare, con ogni sforzo possibile, che la città ricada ancora una volta nelle mani di un’amministrazione che in tutti questi anni ne ha sancito un progressivo declino economico, sociale e culturale. Ma vogliamo evitare che gli errori del passato si possano ripetere. Per fare questo, c’è bisogno di una coalizione forte, sana, competente, radicata nel territorio, lontana da conflitti d’interesse e da affarismi, con una guida autorevole, solida, capace di risollevare le sorti del nostro paese, ma in una dimensione di collegialità e di condivisione democratica». «Gli uomini soli al comando non ci piacciono – dice il medico – ne abbiamo avuti fin troppi nel panorama politico nazionale. Ed in questa coalizione la sinistra deve trovare uno spazio esistenziale fondamentale, sia per i valori che rappresenta e che mette in campo, sia per un maggiore equilibrio politico nei confronti del centrismo civico di cui c’è bisogno ma che a volte rappresenta un salto nel buio». «Insieme al circolo Pertini – conclude Barbazza – con cui è in atto una buona sintonia politica continuiamo a portare avanti il nostro lavoro di ponte tra le due realtà del centrosinistra esistenti, nella speranza di trovare una linea comune unificante». (Gi.Ba.) (agg. 16/02 ore 12.30)

ULTIME NEWS