Pubblicato il

Bonus libri: metà della somma torna alla Regione

Bonus libri: metà della somma torna alla Regione

Restituita dal Comune. Solo 27 famiglie hanno presentato domanda Dubbi sul numero dei nuclei in stato di disagio e sulla adeguata diffusione del bando ormai scaduto

SANTA MARINELLA – Il Comune di Santa Marinella si è visto costretto a restituire alla Regione Lazio la metà del contributo assegnato, perché la richiesta delle famiglie che hanno beneficiato del bonus per l’acquisto dei libri di testo non ha coperto l’intero stanziamento assegnato da Via della Pisana a coloro che hanno figli che frequentano le scuole cittadine. (agg. 17/02 ore 11.28) segue

OTTOMILA EURO A SANTA MARINELLA. Il Governatore Zingaretti infatti aveva destinato ben ottomila euro a Santa Marinella, per consentire alle famiglie in stato di disagio e che hanno i propri figli iscritti nelle scuole dell’obbligo, di avere per l’anno scolastico 2017 uno sconto sui libri di testo. Dopo la pubblicazione dell’avviso pubblico, che ha portato a conoscenza delle famiglie interessate i criteri e le modalità per accedere ai benefici, si è riscontrato che entro i termini stabiliti dal bando comunale erano pervenute appena 27 domande, che sono state tutte regolarmente accolte, in quanto in possesso dei requisiti richiesti ed inserite nel piano regionale di riparto per un costo totale di circa 4.500 euro. (agg. 17/02 ore 12)

RESTITUITI 4.200 EURO. A Santa Marinella, comunque, era stata assegnata la somma complessiva di ottomila euro, l’amministrazione ha deciso allora di ridare indietro ben 4.200 euro. Si pone dunque la domanda se in città, le famiglie con figli a carico inseriti nelle scuole e rientranti nei requisiti richiesti, siano inferiori al previsto, oppure se non tutti i nuclei familiari sono venuti a conoscenza del bonus assegnato. Fatto sta che ieri è scaduto il nuovo bando riferito all’anno 2018. Coloro che avevano un reddito Isee non superiore a 10.650 euro, che hanno la residenza nel Comune di Santa Marinella, che frequentano le scuole secondarie di primo e secondo grado sia statali che private e che non hanno presentato domanda per ottenere analogo beneficio in altra Regione, potevano fare richiesta per avere i libri gratuiti. (Gi.Ba.) (agg. 17/02 ore 12.30)

ULTIME NEWS