Pubblicato il

Fiume Marta: sarà costituito un tavolo tecnico permanente

Fiume Marta: sarà costituito un tavolo tecnico permanente

I Comuni di Tarquinia, Monte Romano e Tuscania hanno preso parte oggi pomeriggio al vertice convocato in Prefettura dopo l’inquinamento registrato domenica Obiettivi: monitorare il corso d’acqua, controllare gli sversamenti e analizzare l’attività dei depuratori

TARQUINIA – Si è svolta oggi pomeriggio, martedì 20 febbraio 2018, presso la Prefettura, la riunione convocata dal Prefetto Giovanni Bruno, per fare il punto della situazione dopo il grave inquinamento che ha colpito domenica scorsa un tratto del fiume nel territorio di Tuscania.

 

Hanno partecipato, tra gli altri, il Sindaco di Monte Romano Maurizio Testa, il Sindaco di Tuscania Fabio Bartolacci e il Vice Sindaco di Tarquinia Manuel Catini, quest’ultimo accompagnato dai consiglieri comunali Silvano Olmi e Maurizio Perinu. (Agg. 20/02 ore 19,33 SEGUE)

UN TAVOLO TECNICO PERMANENTE . Sarà costituito un tavolo tecnico permanente per avviare un monitoraggio su tutto il corso del fiume Marta e dei suoi affluenti.

Lo hanno deciso i sindaci di Tarquinia, Tuscania e Monte Romano che oggi pomeriggio hanno partecipato al vertice in Prefettura, convocato dal prefetto Giovanni Bruno, per fare il punto della situazione dopo il grave inquinamento che ha colpito domenica scorsa un tratto del fiume ricadente nel territorio di Tuscania.

Gli amministratori dei tre Comuni hanno ringraziato il prefetto per aver convocato la riunione e hanno sottolineato il «pessimo stato di salute in cui versa il fiume Marta».Inoltre, hanno segnalato la «ridotta portata idrica del fiume, dovuta alle scarse precipitazioni e alla mancata apertura della paratia che regola il flusso dell’acqua in uscita dal lago di Bolsena». (Agg. 20/02 ore 20,15) 

TUTTI GLI OBIETTIVI. Dalla riunione é emersa proprio la necessità di costituire un tavolo tecnico permanente, per avviare un monitoraggio su tutto il corso del fiume Marta e dei suoi affluenti; controllare gli sversamenti, in particolare quanto fuoriesce dal collettore del Cobalb che raccoglie i reflui dei Comuni che si affacciano sul lago di Bolsena. L’obiettivo del tavolo è anche quello di analizzare l’attività dei depuratori, il loro dimensionamento e l’efficienza; monitorare gli emungimenti autorizzati e individuare quelli non autorizzati.

Gli amministratori comunali di Monte Romano, Tarquinia e Tuscania, si sono detti soddisfatti dei risultati della riunione, durante la quale è emersa la ferma volontà di affrontare e risolvere il problema dell’inquinamento del fiume Marta, della sua foce e del mare.

La riunione è stata aggiornata alla prossima settimana, quando si conosceranno i dati definitivi delle analisi effettuate dall’Arpa Lazio e si potrà valutare l’eventuale revoca delle ordinanze sindacali che vietano qualsiasi utilizzo dell’acqua del fiume. (Agg. 20/02 ore 21,40)

 

 

ULTIME NEWS