Pubblicato il

Civitavecchia non è una città per giovani

Civitavecchia non è una città per giovani

Leopardo: "Ai 5 stelle è completamente mancata una visione di sviluppo". Census: tasso di disoccupazione giovanile al 48%, superiore di 10 punti rispetto alla media nazionale

CIVITAVECCHIA – I dati sulla disoccupazione giovanile nel Lazio, nonostante i miglioramenti degli ultimi anni,non sono incoraggianti, soprattutto per quanto riguarda Civitavecchia, ed i recenti fatti di cronaca, come i licenziamenti di Tirreno Power,  non hanno fatto altro che gettare benzina su un fuoco da tempo già acceso.

Sulla questione si esprime Enrico Leopardo, segretario Pd, che dichiara: «I dati sulla cura Zingaretti alla regione e dei governi del Partito Democratico hanno portato l’occupazione con il segno positivo, ma è impensabile vedere Civitavecchia come fanalino di coda di tutta la regione. I numeri sulla disoccupazione, soprattutto quella giovanile, che supera il 48%  – continua – sono a dir poco allarmanti. Purtroppo – attacca il segretario – quando viene a mancare una visione di sviluppo per la propria città, come successo all’amministrazione comunale dei 5 stelle, i danni non possono venire a mancare». «È semplicemente poco lungimirante e semplicistico, quello che dice un consigliere pentastellato quando afferma che la chiave per risolvere la questione è il porto. È sicuramente una risorsa – conclude – ma va pensato uno sviluppo che sia a 360 gradi, perché  è possibile che i nostri giovani, e non, desiderino anche un ambito lavorativo diverso».

Anche Alessandra Riccetti, Lega Nord, torna sulla questione occupazione e difende i licenziati della B.L. appalti dichiarando: «I 12 dipendenti che dal prossimo 30 aprile rischiano di trovarsi senza lavoro sono padri e madri che, con quei soldi, portano avanti una famiglia. Porterò il problema all’attenzione del segretario della lega e al responsabile dipartimento lavoro del nostro partito Claudio Durigon».

ULTIME NEWS