Pubblicato il

Marietta Tidei entra alla Pisana

Marietta Tidei entra alla Pisana

L'unica certezza è l'affermazione della democratica. De Paolis è primo nel conteggio dei voti della Lista Zingaretti ma manca il dato finale di Roma

CIVITAVECCHIA – Marietta Tidei entra in consiglio regionale in maniera prepotente grazie soprattutto ai voti presi nel comprensorio (2256 solo in città), grazie all’alleanza stretta e mantenuta quasi al dettaglio con Marco Vincenzi e alla resistenza nelle durissime sezioni di Roma Capitale. Il suo è un risultato netto che conferma ancora una volta l’abilità politica a livello regionale della neoconsigliera. (agg. 06/03 ore 19.54) segue

SI ATTENDE IL RICONTEGGIO. Molto vicino all’elezione anche Gino De Paolis (2112 voti in città) che deve aspettare però i riconteggi dei seggi per poter cantar vittoria. Se in provincia è stato prima di tutta la lista a Roma le preferenze per la Bonafoni hanno fatto perdere il primo posto. A contendersi il secondo posto sono Gianluca Quadrana, Michele Baldi e proprio Gino De Paolis. I riconteggi diranno quanti saranno i seggi alla lista. Se fossero quattro sarebbe assicurata, ma ne potrebbero bastare tre. Per quanto riguarda gli altri candidati locali, ottimo risultato alla sua prima candidatura per Roberto D’Ottavio che raggiunge quota 893, piazzandosi ampiamente al primo posto tra i candidati del centrodestra e doppiando quelli di Forza Italia nella corsa civitavecchiese grazie alle 893 preferenze prese. Il forzista ha pescato in diverse parti della città e nonostante l’agguerrita concorrenza di numerosi competitor romani, alcuni in corsa anche da ex consiglieri regionali. è riuscito ad imporsi con una campagna elettorale capillare che ha toccato diverse parti dell’elettorato facendo alzare sensibilmente con la sua candidatura la percentuale della lista. (agg. 06/03 ore 20.30)

LE PREFERENZE NEL CENTRODESTRA. Alessandra Riccetti prende invece 511 preferenze cittadine. Un buon risultato visto che la candidatura è arrivata ad un mese dalle elezioni e l’entrata nel partito è arrivata da pochi mesi dal suo approdo al partito del leader nazionale Salvini. Il risultato non va confrontato con il dato politico della Lega, risultato basato soprattutto dall’opinione sui temi nazionali piuttosto che dal radicamento sul territorio. Buono anche il risultato di Stefano D’Angelo che prende 433 preferenze e cosi come la Riccetti porta a casa un buon dato maturato in pochi giorni di campagna elettorale, con il fratello ed ex candidato sindaco Andrea D’Angelo in appoggio al candidato di Forza Italia Adriano Palozzi. (Agg. 06/03 ore 21)

LE PREFERENZE PER IL M5S. Discreto il risultato di Devid Porrello che porta a casa 563 preferenze. Poche, dopo cinque anni di consiglio regionale da candidato locale. Il basso risultato rischia di portarlo fuori dalla Pisana anche visti gli ultimi dati che stanno arrivando da Roma. Nota a parte per il candidato di Santa Marinella Roberto Bacheca molto conosciuto in città e sostenuto anche dal consigliere comunale Perello e da alcuni esponenti di spicco del centrodestra locale come Podda e Zappacosta. Le preferenze arrivate all’ex sindaco di Santa Marinella sono 316. 

In generale le preferenze espresse sono state molto basse rispetto ai voti di lista espressi, effetto della doppia elezione Parlamento-Regionali. L’affluenza in caso di sole elezioni regionali sarebbe stata sensibilmente più basa.  Tra i candidati esterni alla città affermazioni di Minnucci (511), Angelilli 439 e Leodori che si ferma a 300 voti. (Agg. 06/03 ore 21.30)

ULTIME NEWS