Pubblicato il

''Il Pd unica forza indisponibile a considerare altre  ipotesi di candidato sindaco''

‘‘Il Paese che vorrei’’ precisa la sua posizione in merito al recente confronto in vista delle comunali  

‘‘Il Paese che vorrei’’ precisa la sua posizione in merito al recente confronto in vista delle comunali  

S. MARINELLA – La lista civica ‘‘Il Paese che Vorrei’’, non condivide le notizie riportate sulla stampa, relative alla riunione tenutasi la scorsa settimana tra le varie anime del centro sinistra. «Si asserisce – dicono i responsabili del movimento – che nel corso di una riunione fra le varie forze del centrosinistra di Santa Marinella sarebbero emerse le indisponibilità del Pd e del ‘‘Paese che Vorrei’’ a fare un passo indietro ai rispettivi candidati sindaci, determinando così una posizione di stallo. Si legge, inoltre, che il ‘‘Paese che Vorrei’’ ha richiesto, in più occasioni, di ricorrere allo strumento delle primarie di coalizione. Entrambe le affermazioni risultano false». (Agg. 13/03 ore 13.55) Segue

“CANDIDATURA DI TIDEI DIVISIVA”. «Nel corso dell’incontro – ribadiscono dal Paese che vorrei – il Pd è risultato essere l’unica forza politica indisponibile a considerare ipotesi di candidato sindaco, che non fossero quella di Pietro Tidei, candidatura, peraltro, che palesemente nel corso della riunione non ha riscosso adesioni da parte degli altri partecipanti. Il ‘‘Paese che Vorrei’’, ha invece ribadito, come sempre pubblicamente espresso, che la candidatura di Lorenzo Casella può essere ridiscussa in caso di un generale accordo della coalizione su altro nome. La candidatura di Tidei è stata giudicata divisiva e tale da non permettere una aggregazione del centro sinistra». (Agg. 13/03 ore 14.30)

LA RIUNIONE. «La riunione, ha infatti evidenziato come l’arroccamento dimostrato, non consente in alcun modo di convergere su una alleanza plurale ed ampia. Altrettanto falsa risulta la riportata posizione de Il Paese che Vorrei circa le primarie di coalizione, non le abbiamo mai richieste, nella convinzione che una coalizione seria che si candida al governo di una città debba essere in grado di convergere su un soggetto rappresentativo condiviso». (agg. 13/03 ore 15)

ULTIME NEWS