Pubblicato il

Tutte le buche di Cozzolino

Tutte le buche di Cozzolino

Dal nord al sud della città l’unica costante è il manto stradale devastato e ai cittadini le soluzioni tampone non bastano più. Manutenzione assente, l’asfalto a freddo non basta: la rabbia corre sui social

di GLORIA TROTTI

CIVITAVECCHIA – Buche, la rabbia corre sui social. Dopo la notizia dell’incidente a causa dell’ennesima voragine sono molti i cittadini che hanno detto la loro. Da nord a sud ogni quartiere cittadino è unito da una costante: il manto stradale disastrato. Che sia San Liborio, dove è avvenuto l’incidente del 62enne scooterista, o il centro cittadino c’è poca differenza. Ormai la vera rarità è una strada ancora sana. Prendiamo ad esempio via Terme di Traiano che collega il casello autostradale Civitavecchia nord e i paesi di Tolfa e Allumiere alla città. (agg. 11/03 ore 9.30) segue

STRADA COLABRODO. Una delle direttrici principali di Civitavecchia, nonché una delle strade più trafficate, è ridotta veramente male. Vuoi il maltempo delle settimane scorse (tra l’altro per oggi è previsto l’ennesimo allerta meteo) o una manutenzione praticamente assente a partire dall’incrocio che porta allo svincolo autostradale sono disseminate varie buche di varie dimensioni.

Si va da quelle piccole e profonde a quelle più larghe o a interi tratti di asfalto dissestato. Con buona pace di ciclisti e scooteristi, per non parlare de fatto che spesso gli automobilisti invadano l’altra corsia nel tentativo di schivare le voragini. Intanto sui social i cittadini si scagliano contro l’amministrazione al suono di ‘‘Vergogna’’. (agg. 11/03 ore 10)

NECESSARI INTERVENTI RISOLUTIVI. Le promesse non bastano più, servono lavori che vadano oltre l’asfalto a freddo. Qualcosa che non sia l’ennesima soluzione tampone, vedi l’idrico con San Liborio che dopo il comunicato di venerdì che annunciava le riparazioni sulle condotte è rimasta senz’acqua per circa 24 ore. Intanto sui social circola la lista di 50 buche da riparare e alcuni si chiedono ‘‘e le altre?’’. Domanda lecita, soprattutto visto lo stato delle strade cittadine.  (agg. 11/03 ore 10.30)

ULTIME NEWS