Pubblicato il

Manto stradale, c’è da attendere almeno ottobre

Manto stradale, c’è da attendere almeno ottobre

L’assessore ai Lavori pubblici aggiorna la cittadinanza su buche, voragini, perdite e idrico: bisogna aspettare

CIVITAVECCHIA – «Al momento l’unica risorsa per la ‘‘messa in sicurezza’’ è l’asfalto a freddo posato dai dipendenti comunali». Parola dell’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Ceccarelli che aggiorna la cittadinanza sullo stato dei ‘‘lavori’’. Rattoppi di emergenza, sintetizzando è questo quello che si sta facendo. «Le difficoltà – prosegue l’assessore sulla sua pagina social – sono il reperimento dei sacchetti d’asfalto, sia perché li stanno recuperando in giro per il Lazio (ho sentito parlare di arrivi da Colleferro), sia perché vanno pagati». Una situazione sicuramente non facile quella di Ceccarelli. (agg. 15/03 ore 9) segue

“MANUTENZIONE DELLE STRADE, PRIMA L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO”. «Appena approvato il bilancio – prosegue il pentastellato – (auspico il giorno 19 prossimo), possiamo attingere dal capitolo ‘‘manutenzioni stradali’’ e cominciare a fare qualcosa di più strutturato con una ditta che lavori l’asfalto a caldo (spero di buche asciutte). Sarà sviluppata, a poco a poco, una sistemazione semi definitiva che faccia da ponte per arrivare agli appalti da 1 + 1 milioni che partiranno, non illudiamoci visti i tempi amministrativi, se siamo bravi verso fine settembre, inizio ottobre». (agg. 15/03 ore 9.30)

MANTO STRADALE DISASTRATO. Insomma, c’è da attendere. Intanto avanti tutta con l’asfalto a freddo. Vuoi per le perdite idriche, vuoi per la nevicata del 26 febbraio, le strade sono ridotte piuttosto male e i rattoppi cedono rapidamente. L’assessore invita a segnalare le buche pericolose e dà la colpa a maltempo e «buchi fatti per riparare le perdite idriche» ma viene da chiedersi se con la giusta manutenzione, fatta per tempo, oggi si vivrebbero gli stessi disagi.

Problemi anche sul fronte idrico per San Liborio che, da giorni, riceve acqua a singhiozzi. Tra le mancanze di Oriolo e le riparazioni che hanno fermato il Nuovo Mignone i serbatoi sono rimasti a secco. Ripresa lenta. In altre parole anche qui c’è da attendere. (agg. 15/03 ore 10)

ULTIME NEWS